Forex Trading Italia
18 febbraio 2013

Analisi Forex Giornaliera: 18 Febbraio 2013

Nell'Analisi Forex Giornaliera del 18 Febbraio 2013 parliamo dello yen e degli effetti delle critiche del G20 sulla valuta giapponese.

Lo yen si è indebolito contro le altre valute nelle prime di trading di questa mattina dopo che il Giappone ha rimbalzato la critica diretta dei paesi del G20 in merito ai piani di reflazionistiche che hanno indebolito la valuta a livello internazionale, accusa che ha sollevato delle denunce di vantaggio competitivo. La valuta giapponese è caduta contro il dollaro dopo che il primo ministro Shinzo Abe ha obbligato la banca centrale nipponica ad acquistare obbligazioni.

Giappone, Yen e G20

Abe ha rilasciato dei commenti dopo la riunione del G20, che si è tenuta, in quel di Mosca, nel weekend appena finito, astenendosi dal commentare le accuse legate alla svalutazione competitiva, affermando che l'obiettivo del paese è solo quello di mettere in piedi una giusta politica monetaria e che la politica monetaria della BoJ si propone di battere la deflazione, non di indebolire lo yen.

Secondo alcuni, lo yen potrebbe salire ancora contro il dollaro, ma il vero dilemma lo si avrà dal momento in cui romperà la quota di 100 yen per un dollaro. Al momento, il dollaro è salito dello 0,7 per cento arrivando a quota 94,12 contro lo yen, dopo essere rimbalzato nei pressi di quota 92,20 nella sessione di venerdì. Ora l'obiettivo è il prezzo di 94,47 , che è il massimo di 33 mesi. Anche l'euro è in salita contro la valuta giapponese, toccando quota 125,35 , non lontano dal massimo degli ultimi 34 mesi, a quota 127,71 .

L'attenzione del mercato è d'ora in poi sull'operato del primo ministro giapponese Shinzo Abe, che dovrebbe essere il nuovo governatore della Banca del Giappone. Tra i "papabili" c'è Toshiro Muto, il quale dovrebbe intensificare gli sforzi per rilanciare l'economia.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Analisi Forex Giornaliera: 18 Febbraio 2013"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: