Forex Trading Italia
06 giugno 2016

Analisi valute e notizie economiche per l’euro, 6 giugno 2012

Analisi valute e notizie economiche per l’euro, vediamo i dati economici più importanti per la giornata del 6 giugno 2012.

Relativamente al rapporto di cambio tra euro e dollaro, possiamo vedere che fino a ieri sera l'euro era in calo contro la divisa americana, a causa delle preoccupazioni circa l'elevato costo di indebitamento per la Spagna, che potrebbe chiudere, per il paese iberico, la porta di accesso al credito.

Il ministro del Tesoro spagnolo, Cristobal Montoro, ha dichiarato che gli elevati oneri finanziari hanno di fatto chiuso la nazione fuori dal mercato obbligazionario e ha esortato l'Unione europea ad aiutare Madrid a ricapitalizzare i suoi debiti.

In aggiunta a questo sentimento negativo, anche le vendite al dettaglio sono notevolmente diminuite nel mese di aprile, facendo segnare un -2,5% invece di un 1,1% .

Nel frattempo, in Germania, gli ordini di fabbrica su base destagionalizzata sono scesi del 1,9% nel mese di aprile, rispetto ad un aumento del 3,2% a marzo.

I ministri del G7, in una riunione di emergenza, hanno convenuto di dover cooperare per far fronte alla situazione preoccupante nella zona euro. Nel frattempo, il direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde, ha dichiarato che la Banca centrale europea potrebbe pensare ad un nuovo taglio al tasso di interesse, cosa che potrebbe far cadere ulteriormente l'euro nei confronti delle altre principali valute, come il dollaro USA.

Il trend dell'euro per la sessione di oggi potrebbe essere determinato dalle decisioni della banca centrale europea in merito ai tassi di interesse della Banca, oltre che dal rilascio dei dati del prodotto interno lordo per la zona euro e della produzione industriale tedesca.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Analisi valute e notizie economiche per l’euro, 6 giugno 2012"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: