Forex Trading Italia
09 aprile 2014

Analisi Valute di oggi 9 aprile 2014: salita per AUD

Bisogna fare attenzione alla salita di AUD contro USD nel breve-medio termine, per EUR e GBP occhio alle false rotture.

Obiettivi per EUR/USD e GBP/USD raggiunti, diffidare di potenziali false rotture

Negli ultimi giorni abbiamo visto diversi modi per poter investire con successo nel mercato del forex e uno dei temi sorti è stato un movimento di gamma per il breakout europeo. Come molti di voi sanno, questa è una delle nostre strategie preferite e, mentre in genere ci concentriamo sulla coppia di valute EUR/USD, la stessa tecnica potrebbe essere applicata a qualsiasi delle major europee.

Per quelli di voi che non hanno familiarità con questa strategia, ecco le basi.

Identificare il massimo e il minimo durante la mezz'ora appena prima dell'apertura del mercato di Londra (leggi quando i mercati del forex aprono) e poi cercare un breakout nel range di + o - 10 pips, con il prezzo che sia in grado di mantenere sopra o sotto tale livello per 10-15 minuti. Questa operazione è fatta per cercare di individuare una direzione del trend per il resto della giornata.

Da questo momento gestiamo la tendenza rialzista o ribassista concentrandoci sui grafici a 1, 2 o 5 minuti e utilizzando una combinazione di medie mobili ( 13 - sma, 144 - EMA e 169 - EMA) e di oscillatori (RSI, Stocastico e CCI). Altri fattori da includere sono gli annunci del giorno.

Idealmente, se il prezzo è in difficoltà nei pressi di questi eventi allora potrebbe essere prudente ridurre le dimensioni della posizione prima del tempo. Inoltre, questo tipo di approccio può aiutare a minimizzare l'aspetto emotivo alla negoziazione, dal momento che c'è una zona identificabile per sapere dove si sbaglia (il lato opposto del breakout del massimo o minimo).

Delle osservazioni di carattere generale riguardanti i potenziali scenari in range di apertura:

  • 2 giorni della settimana non si farà molto
  • una volta alla settimana ci sarà una falsa rottura e una potenziale inversione
  • 1 giorno a settimana ci sarà un movimento rispettabile di 50-70 pips
  • 1 giorno a settimana si raggiungerà il bersaglio ATR

Nota: se l'ATR è raggiunto all'inizio della settimana, la probabilità che si verifichi due volte nella stessa settimana è drasticamente ridotta e se si verifica è in genere in direzioni opposte.

Come dimostrato nei grafici, sia EUR/USD che GBP/USD si trovano di fronte ad una media mobile rialzista dato che la 13 SMA ha incrociato sopra la 144 e la 169 EMA. Certo, entrambe le coppie hanno rotto sopra il range in maniera più forte del previsto. Per quanto riguarda l'euro, ha continuato a rimanere al di sopra della 144 e della 169 ema, con l'RSI che ha costantemente rotto sopra il valore di 60/65, quindi, non vi è alcun motivo di deviare dal trend rialzista intraday. Di conseguenza, EUR/USD ha raggiunto il suo corrispondente obiettivo intraday a 1,3807 subito dopo che il mercato azionario statunitense ha aperto.

Ancora più importante, dal momento che gli obiettivi di EUR/USD e GBP/USD sono stati raggiunti, la cosa suggerisce che dovremmo restare in allerta per dei potenziali breakout e per delle condizioni di mercato "choppy" per il resto della settimana. Detto questo, se dovessimo vedere un altro grande movimento direzionale nel corso della sessione europea nei prossimi giorni, questa strategia suggerisce che lo stesso può essere visto al ribasso.

USD/JPY, il trend al ribasso è appena iniziato?

Lunedi scorso abbiamo notato che gli operatori di USD/JPY potrebbero voler tenere d'occhio il rendimento a 10 anni dei titoli degli Stati Uniti, citando il valore di 0,9256 come correlazione tra i due dall'inizio del 2014. Poi venerdì abbiamo ricevuto la relazione degli Stati Uniti di marzo sull'occupazione, che ha visto una creazione di 192.000 posti di lavoro contro le attese di 200.000 e il tasso di disoccupazione ancora al 6,7 %, che ha finito per innescare un forte calo di USD/JPY così come del rendimento dei titoli USA a 10 anni. Si dovrebbe anche essere consapevoli del fatto che l'anno fiscale giapponese si è concluso il 31 marzo e con un nuovo anno ci sono spesso nuove assegnazioni. Inoltre, USD/JPY ha raggiunto l'apice, ogni anno nei 5 anni passati, intorno all'inizio del Q2. Come conseguenza, un andamento di USD/JPY sopra il valore di 104 suggerisce che potremmo essere all'inizio di una correzione più significativa nei prossimi mesi. Tecnicamente, USD/JPY si sta avvicinando supporto del canale, formato dal minimo di febbraio intorno a 101.50.

Qualora il valore di 101.50 dovesse cedere, i prossimi 75 pips di ribasso vedono una convergenza di:

  • EMA 144 e 169 quotidiana
  • trendline di supporto data dal minimo di giugno 2013
  • SMA a 200 giorni
  • minimo del 2014
  • 38.2 % del ritracciamento da giugno a gennaio

AUD / USD: potrebbe arrivare a 0,9500?

Il dollaro australiano è stato il "bello" del mercato nel corso delle ultime tre settimane, con dei valori che sono saliti da sotto 0,9000 il 20 marzo ad un massimo di circa 0,9400 oggi. La coppia ADU/USD rimane in pieno trend di crescita in vista di una settimana relativamente pesante, che vedrà dei dati importanti dagli Stati Uniti, dall'Australia e dal più importante partner commerciale del paese del Pacifico, la Cina.

Su una base puramente tecnica, la coppia continua a mostrare segnali rialzisti. Dal momento conclusivo della rottura sopra il testa e spalle rovesciato da tre mesi a 0,9080, i tassi hanno rotto al di sopra della media mobile a 200 giorni per la prima volta dallo scorso aprile. Inoltre, questa media mobile ha iniziato a girare più in alto, indicando che la tendenza a lungo termine è rialzista dopo un anno difficile nel 2013.

Nel frattempo, AUD / USD si trova di fronte ad un modello rialzista a breve termine dopo una settimana di consolidamento. Questo modello è stato creato da un forte impulso. Una volta confermata la pausa sopra la parte superiore della bandiera, il modello punta ad una forte continuazione rialzista.

Gli obiettivi possono essere quelli 0,9500. Anche se l'andamento attuale non dà alcuna garanzia che la coppia potrà necessariamente raggiungere questo livello (soprattutto in considerazione delle letture di ipercomprato di breve termine su alcuni oscillatori), la cosa può essere un interessante obiettivo logico per molti commercianti a più lungo termine, dato che l'area di 0,9500 è anche quella dove la RBA inizierà a diventare particolarmente a disagio con il valore della sua moneta. Per ora, il trend tecnico di medio termine rimane rialzista. Questa tendenza rialzista rimane intatta fino a quando la coppia riesce a tenere al di sopra di 0,9200, a nostro avviso.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Analisi Valute di oggi 9 aprile 2014: salita per AUD"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: