Forex Trading Italia
31 maggio 2016

Calendario scadenze fiscali 2016

Ormai siamo certi, le scadenze fiscali in Italia sono veramente tante e quindi serve un calendario apposito. Sicuramente si tratta del calendario più odiato in assoluto ma, purtroppo, anche utile in quanto ci permette di non incorrere in pesanti multe per ritardo di pagamenti, costringendoci a pagare ancora più del dovuto.

Sta per terminare il primo trimestre e sono in arrivo nuove scadenze fiscali dell’anno 2016 che occorre presentare entro una certa data e non tutte sono obbligatorie. Alcune, come IMU e Tasi, riguardano solo un certo target, così come le scadenze IVA 2016. Vediamo, quindi, qual è il calendario fiscale 2016 per i mesi rimanenti fino a dicembre.

Scadenze fiscali dell’anno 2016 per 730 e Unico

Il 16 giugno è la prima data da segnarsi, giorno che riguarda il versamento per le tasse sull’immobile. Ovviamente, dall’IMU e dalla Tasi è esclusa la prima casa, ma si tratta di imposte che si riferiscono alle persone in possesso di due o più immobili. Un’eccezione riguarda quelle categorie di lusso (A1, A8 e A9), che potrebbero essere soggette a tali imposte anche in caso di prima casa.

Sempre in questa data arrivano le scadenze fiscali dell’anno 2016 per IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche). Chi è soggetto a questa imposta e ha deciso di pagare a rate, incontrerà la prima proprio nel giorno del 16 giugno.

Il 7 luglio scadrà la consegna del Modello 730 o Unico, entrambi in formato ordinario o pre-compilato. Quest’ultimo sarà disponibile a partire dal 15 aprile sul sito dell’Agenzia delle entrate, mentre quello in forma ordinaria va consegnato al proprio datore di lavoro, al CAF o al proprio commercialista. Ricordiamo che nel mese di luglio ci sono anche le scadenze IVA 2016 e che bisognerà saldare l’anno precedente e versare il primo acconto di quest’anno. Inoltre, per chi ne è soggetto, sarà necessario presentare anche il Modello 770 Ordinario e Semplificato.

Le scadenze fiscali dell’anno 2016 del 30 settembre avranno come oggetto il Modello Unico in forma telematica, che riguarda la dichiarazione dei redditi e, in particolare, le persone in possesso di partita IVA. Chi non si ritrova nelle caratteristiche presentate dal 730 può rivolgersi a questa alternativa, che non è, esclusivamente, riservata alle persone in possesso di partita IVA. Ricordiamo che il formato precompilato è stato introdotto solo quest’anno e che sarà accessibile sul sito dell’Agenzia delle entrate, esattamente come nel caso del 730, introdotto nel 2015.

Ultimo saldo IRPEF e scadenze IVA 2016

Nella data del 30 novembre, nel calendario fiscale 2016, vi segnaliamo il secondo saldo da effettuare da parte di quelle persone che hanno scelto di pagare l’IRPEF a rate. Nel caso in cui l’acconto non superasse i 257,52 euro, sarà necessario presentare il saldo complessivo in tale data. Oltre a questa imposta, bisognerà saldare anche il secondo acconto di IRAP, IRES e i contributi INPS.

Il 16 dicembre, infine, si concluderanno le scadenze fiscali dell’anno 2016 con il versamento dell’IMU e della Tasi (sempre per chi ne è soggetto). Inoltre, il 27 dicembre si chiudono le scadenze IVA 2016 con il versamento dell’acconto.
Ricordiamo che vanno dichiarati anche i guadagni derivanti dal forex e quindi vanno pagate le tasse su tali guadagni.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Calendario scadenze fiscali 2016"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: