Forex Trading Italia
10 giugno 2016

Deflazione

La deflazione è una delle peggiori situazioni in cui un'economia possa trovarsi. Analizziamo le conseguenze dal lato economico oltre che quelle dal punto di vista del Forex.

Uno dei pericoli maggiori per un'economia è quello della deflazione, ovvero il calo dei prezzi. Si tratta di una spirale pericolossima per un'economia, dalla quale, una volta entrati, si esce solo a costo di sacrifici pesantissimi da parte della popolazione (la Grecia ne sa qualche cosa).

In concetto di deflazione è opposto a quello di inflazione, che invece indica un aumento dei tassi di interesse. Non bisogna inoltre far confusione tra "deflazione" e "disinflazione", parola con cui si indica, invece, un rallentamento del tasso di inflazione (non un suo calo).

Opposto è anche il concetto di iperinflazione, che indica un incremento eccessivo dei tassi di interesse.

La spirale della deflazione

In maniera molto semplice, elenchiamo la spirale della deflazione, ovvero cosa comporta questo grave problema.

  • calo dei prezzi per i beni ed i servizi
  • minori ricavi per le aziende e, di conseguenza, minore liquidità
  • minor produzione
  • minori assunzioni
  • aumento dei licenziamenti
  • minore spesa per beni e servizi da parte dei privati (inclusi acquisti di immobili)
  • eccesso di produzione
  • ulteriore calo dei prezzi dei beni e dei servizi
  • Dal punto 8 in poi si può tornare da capo e ripercorrere questa lista. Ad ogni giro, gli effetti sull'economia (e sulla moneta di quell'economia) saranno sempre più devastanti.

    Forex e deflazione, come investire

    Nei periodi di deflazione bisogna tenere presente che solitamente il valore di una moneta scende rispetto a quello di monete dei paesi che, invece, hanno un'inflazione normale.

    Il valore della moneta scende, più per che la deflazione in sé, per le concrete difficoltà dell'economia del paese che la sta subendo. Il calo delle produzioni, l'aumento della disoccupazione, la crisi del mercato immobiliare, sono tutte conseguenze della deflazione e sono potenzialmente detrimenti per un'economia.

    Come combattere la deflazione

    Come ha fatto il Giappone qualche anno fa e come sta facendo la BCE in questi mesi, il modo per combattere la deflazione è quello di abbassare i tassi di interesse (nel momento in cui scriviamo, quelli BCE sono al minimo storico dello 0,05%) e stimolare l'economia con un QE (acronimo di Quantative Easing, termine con cui si designa l'immissione di denaro nell'economia anche al fine di stimolare prestiti da parte delle banche).

    Entrambi i casi portano ad un ulteriore calo della valuta del paese in deflazione.

    Ecco perché si dice che, entro la fine del 2015, l'euro potrebbe raggiungere la parità contro il dollaro.

    > Grafico euro dollaro USA in tempo reale

    > Investi ora nel Forex e guadagna sui movimenti dell'euro

    Esempi storici di deflazione

    Giappone, dal 2000 al 2006


    Il paese nipponico ha vissuto una situazione di deflazione cronica, dalla quale sta uscendo solo in questi mesi. Questo ha costretto la Banca Centrale del Giappone a portare i tassi di interesse pari allo 0%.

    Italia, agosto 2014

    Dopo ben 50 anni, ovvero dal 1959, il nostro paese è tornato in deflazione. Ad agosto 2014 l'Istat ha infatti segnato un calo dei prezzi al consumo dello 0,1%.

    Autore: Gino Topini

    Lascia il tuo commento su "Deflazione"

    Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.