Forex Trading Italia
09 novembre 2011

Dimissioni di Berlusconi: gli Scenari Futuri

Dopo le Dimissioni di Berlusconi, quali sono i possibili Scenari Futuri per il nostro paese?

Silvio Berlusconi, il nostro primo ministro, ha confermato che si dimetterà dopo l'implementazione delle urgenti riforme economiche richieste da parte dell'Unione Europea. Berlusconi, sotto pressione, ha detto che la sua decisione di dimettersi è stata un gesto di responsabilità verso il paese.

Berlusconi e le dimissioni

Berlusconi ha fatto sapere che darà le dimissioni non appena la legge di bilancio sarà passata, in quanto crede che non vi sia altra possibile maggioranza. Le elezioni si terranno all'inizio di febbraio e Berlusconi ha fatto sapere che non si candiderà nuovamente. Ora bisogna dare all'Europa e al mondo un segnale urgente e forte che si stanno facendo le cose sul serio.

Berlusconi ha detto di essere contrario ad ogni forma di governo di unità nazionale di transizione e che le elezioni anticipate sono l'unica alternativa.

L'Italia e gli oneri finanziari

Intanto gli oneri finanziari dei nostri bond sono saliti a livelli record, con il rendimento dei titoli di riferimento italiani a 10 anni che è andato oltre il sette per cento, nonostante l'annuncio delle dimissioni di Berlusconi, che sono state viste come una mossa per alleviare le tensioni sul mercato del debito italiano.

Il governo Berlusconi ha ottenuto solo 308 voti, un numero non all'altezza della maggioranza assoluta, che era invece di 316 voti.

Dopo il voto, Berlusconi ha incontrato per un'ora il presidente Napolitano, sottolineando l'urgente necessità di una nuova legge di bilancio che sia approvata dal Parlamento. Una volta che questo impegno sarà rispettato, il primo ministro darà le dimissioni.

Dimissioni Berlusconi, che futuro?

Gli analisti dicono che ci sono tre scenari possibili che potrebbero seguire le dimissioni di Berlusconi: un ampliamento della attuale coalizione di centro destra, la creazione di un governo di unità nazionale o le elezioni anticipate.

Sotto il primo scenario, Berlusconi potrebbe consegnare le redini del governo ad uno dei suoi più stretti collaboratori, gira il nome di Angelino Alfano. Nel secondo scenario, il nuovo primo ministro potrebbe essere un tecnocrate di alto profilo come Mario Monti. Se invece una nuova maggioranza non potrà essere negoziata, allora il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sarebbe costretto a sciogliere il parlamento e ad indire nuove elezioni.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Dimissioni di Berlusconi: gli Scenari Futuri"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: