Forex Trading Italia
07 ottobre 2016

Disoccupazione USA: Aggiornamento 2016

La disoccupazione è uno dei dati più importanti per valutare un'economia. Approfondiamo la disoccupazione americana e vediamo come poter investire nel mercato delle valute partendo dai dati dei senza lavoro di quella che è la prima economia del mondo.

L'economia americana è la prima al mondo per grandezza ed importanza, di conseguenza è normale che essa venga presa come punto di riferimento dagli investitori per cercare di capire un po' il sentiment economico della crescita globale. Come per le altre economie del mondo, anche quella "a stelle e strisce" viene influenzata da tutta una serie di indicatori che risultano utili per capire l'andamento dell'economia e fare delle stime. Uno dei dati che assume maggiore importanza è quello della disoccupazione.

Tutto sulla disoccupazione USA

Pubblicato dal Bureau of Labor Statistics, il dato sulla disoccupazione mostra la percentuale di coloro che non hanno un impiego pur facendo parte della forza lavoro attiva.
Forza lavoro attiva: chi è in età da lavoro e cerca attivamente un impiego. Non include coloro che, pur potendo lavorare, non sono alla ricerca di un'occupazione.
Come detto, si tratta di un indicatore importante perché, da esso, si può presumere il futuro degli acquisti da parte dei privati in virtù del fatto che un consumatore che lavora ha più soldi da poter spendere rispetto ad uno che non ha un impiego.

Il numero dei senza lavoro viene riportato, dalle statistiche ufficiali, sotto forma di una percentuale, un tasso di disoccupazione, calcolando il numero di coloro che non hanno un lavoro sul totale della popolazione attiva, come la abbiamo definita in precedenza.

Se, ad esempio, il tasso di disoccupazione USA è del 10%, significa che ogni 100 persone attive, 10 sono senza lavoro.

Ovviamente, un'economia tende sempre a portare il tasso di disoccupazione al minimo possibile, anche se esso non sarà mai pari a zero neanche in momenti di crescita economica in quanto non è pensabile avere un'economia dove tutti siano impiegati e nessuno cerca più lavoro.

Il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti, in media, è stato del 5,82 per cento dal 1948 al 2016, con un massimo storico del 10,80 per cento nel mese di novembre 1982 e un minimo record del 2,50 per cento nel maggio del 1953.

Disoccupazione, aggiornamento giugno 2016

Il tasso di disoccupazione americano è diminuito dello 0,3% arrivando al 4,7 per cento a maggio 2016 dal 5 per cento nel mese di aprile, battendo le attese del mercato che volevano un calo al 4,9 per cento. E' stata la lettura più bassa dal novembre 2007, con il numero dei disoccupati che è diminuito di 484.000 arrivando a 7,4 milioni e il tasso di partecipazione alla forza lavoro che è sceso per il secondo mese consecutivo.

Grafico Disoccupazione USA Grafico Disoccupazione USA

Disoccupazione USA, previsioni 2016

Per il 2016 le statistiche prevedono una disoccupazione migliore del previsto, sicuramente più bassa rispetto agli anni passati. Questo influisce in maniera positiva sul dollaro americano, anche perché più sono le persone che lavorano e più si alzano i consumi.

Come si può vedere dal grafico qui sotto, siamo in una situazione in cui il tasso di disoccupazione USA è davvero quasi ai minimi storici. Le previsioni 2016 ci fanno pensare ad una diminuzione ulteriore del numero dei senza lavoro, in virtù del fatto che l'economia americana sta riprendendo quota, come anche testimoniato dall'aumento dei tassi di interesse da parte della FED.

Grafico Tasso Disoccupazione USA Grafico Tasso Disoccupazione USA

Disoccupazione USA e Forex

Per capire l'effetto del tasso di disoccupazione USA sul forex basta semplicemente guardare al dato precedente, a quello previsto e a quello effettivo:

  • se il dato effettivo è maggiore di quello previsto ed è in crescita rispetto al precedente, in generale l'effetto sul dollaro americano è positivo;
  • se il dato effettivo è minore di quello previsto ed è in diminuzione rispetto al precedente, in generale l'effetto sul dollaro americano è negativo.

Tutte le altre situazioni intermedia possono provocare degli effetti vari, a seconda anche degli altri dati economici.

Abbiamo detto che "in generale" l'effetto sul dollaro americano può essere positivo o negativo, per intendere che non è sempre così. La disoccupazione e il tasso dei senza lavoro, benché sia un valore importante, è solo uno dei tanti che sono in grado di influire su un'economia, e considerando che tutti sono in grado di influire sul valore del dollaro americano, ecco come la disoccupazione, da sola, potrebbe voler dire tutto o niente.

Autore: Gino Topini

Giudizi e Recensioni su "Disoccupazione USA: Aggiornamento 2016" da parte dei nostri utenti:

BCE, Trichet e disoccupazione USA: Calendario economico Forex del 12 novembre 2009:

[...] reso noto il nuovo dato dei sussidi di disoccupazione, utile per cercare di prevedere il tasso di disoccupazione USA, mai così alta dal [...]

Lascia il tuo commento su "Disoccupazione USA: Aggiornamento 2016"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: