Forex Trading Italia
21 novembre 2011

Elezioni in Spagna, vince il Partito Popolare di Rajoy

Per le Elezioni in Spagna, vince il Partito Popolare di Rajoy, che prende una grande fetta di maggioranza.

Il Partito popolare di Mariano Rajoy ha ottenuto una netta maggioranza nelle elezioni generali che si sono tenute questo weekend in Spagna. Con oltre il 90% dei voti, il centro-destra ha vinto 186 posti in Parlamento rispetto ai 154 della scorsa legislatura, mentre i socialisti sono crollati da 169 a 110 posti, la peggiore performance di sempre.

Elezioni in Spagna, vince il Partito Popolare

Anche il 56enne Rajoy punta molto sul controllo del deficit e sulla liberalizzazione, è stato volutamente vago circa i suoi piani, in modo da non spaventare gli elettori. Con i rendimenti del debito sovrano spagnolo che hanno subito un'impennata verso nuovi massimi sul finire della scorsa settimana, il paese è sempre più in crisi.

Ora Rajoy sarà subito sotto pressione da parte dei mercati, dato che dovrà rivelare esattamente come intende rilanciare la crescita e tagliare le spese. Alcuni esperti dicono che deve trovare 18 miliardi di euro attraverso dei tagli o degli aumenti fiscali. Rajoy , dal canto suo, ha detto che il suo partito ha già dei piani chiari e che ora l'unico obiettivo del partito sarà quello di vincere la sfida della disoccupazione e della crisi.

Come hanno vissuto gli spagnoli le elezioni?

Gli spagnoli mostrano poco entusiasmo personale per questo uomo poco carismatico, ma erano molto stanchi di Zapatero, che ha governato durante la crisi economica, che oggi vede la Spagna con una crescita allo 0% e con una disoccupazione al 23%.

Con i rendimenti del debito sovrano che si avvicinano a quelli ai quali il Portogallo e la Grecia hanno chiesto i salvataggi, bisognerà agire in maniera veloce.

Zapatero

Ora Zapatero rimarrà in Parlamento per un altro mese, al fine di aiutare il re a consultare i partiti politici prima che il nuovo governo venga formato. Il Parlamento non siederà fino al 13 dicembre. Non è chiaro come il governo di transizione dovrebbe coordinare la sua risposta alla crisi del debito sovrano con il futuro governo Rajoy.

Gli spagnoli, nella speranza che il cambio di governo possa calmare i mercati, hanno intanto visto dei tagli alle spese e il congelamento delle pensioni. Zapatero ha inoltre esteso l'età pensionabile e modificato la costituzione al fine di permettere un impostazione a lungo termine del disavanzo di bilancio.

Rajoy ha detto che uno dei suoi primi provvedimenti sarà quello di impostare tale limite.

Le riforme di Rajoy

Mariano Rajoy

Rajoy ora promette grandi riforme, più austerità e un controllo rigoroso del disavanzo, in sintonia con le esigenze del mercato e con quelli della Germania, della Banca centrale europea e della commissione europea. Ci saranno forse dei nuovi tagli alla spesa, ulteriori rispetto a quelli già imposti dal Zapatero.

Votazioni in Spagna, per la prima volta senza l'Eta

Per la prima volta da decenni, gli spagnoli hanno votato senza la minaccia di violenze da parte del gruppo separatista basco degli Eta, che ha dichiarato la fine di 40 anni di terrorismo interno proprio il mese scorso. Gli elettori baschi si sono presentati con grande vigore alle urne.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Elezioni in Spagna, vince il Partito Popolare di Rajoy"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: