Forex Trading Italia
22 maggio 2012

Facebook, riviste al ribasso le proiezioni dei ricavi

Per quanto riguarda Facebook, quotata in borsa per la prima volta lo scorso venerdì, sono state riviste al ribasso le proiezioni dei ricavi.

Nel momento clou della corsa all'IPO per Facebook, sembra che Morgan Stanley, una delle maggiori banche del settore, stesse riducendo le sue previsioni di fatturato per l'azienda. La cautela improvvisa, in un momento molto vicino alla grande offerta pubblica iniziale, è stata un grande shock per alcuni. Le voci dicono che questa revisione potrebbe aver contribuito alla debole performance delle azioni di Facebook, che hanno perso molto terreno nella sessione di ieri, la seconda della vita del popolare social network, chiudendo con un prezzo addirittura del 10 per cento inferiore a quello di IPO.

Facebook e il problema della quotazione

Il cambiamento nelle stime di Morgan Stanley è nato dopo un prospetto compilato da Facebook in favore della US Securities and Exchange Commission, la SEC, in cui la società di Zuckerberg aveva espresso cautela circa la crescita dei ricavi a causa di un rapido spostamento da parte degli utenti verso i dispositivi mobili.

Anche JPMorgan Chase e Goldman Sachs, due dei principali sottoscrittori dell'IPO di FB, anche se con ruoli minori rispetto a Morgan Stanley, hanno rivisto le loro stime, secondo delle fonti vicine alla situazione.

In genere, il sottoscrittore di una IPO vuole dipingere un quadro che sia il più positivo possibile per i potenziali investitori. Gli analisti della banca d'investimento, d'altra parte, sono tenuti a operare in modo indipendente dai banchieri e dai venditori. Le persone che hanno familiarità con la nuova versione delle proiezioni di Morgan Stanley, hanno dichiarato che la stima dei ricavi per il trimestre in corso sia stata rivista in modo significativo.

La proiezione delle minori entrate è avvenuta poco prima dell'IPO, che si è avuta ad un prezzo di 38 dollari per azione. La tanto attesa IPO è poi nata al di sotto delle aspettative, con le azioni che sono state a malapena al di sopra del prezzo base di 38 dollari.

Gli esperti dicono che è molto raro tagliare le previsioni nel bel mezzo del processo di un'IPO.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Facebook, riviste al ribasso le proiezioni dei ricavi"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: