Forex Trading Italia
27 dicembre 2012

Fiscal Cliff, ecco le conseguenze del mancato accordo

Fiscal Cliff, vediamo le conseguenze di un mancato accordo tra Obama e il Congresso.

Gli sforzi per salvare la nazione dalla "scogliera fiscale" sono una cosa che sta gettando il disordine negli Stati Uniti. Con le vacanze di Natale finite in anticipo per il presidente Barack Obama e per i membri del congresso americano, secondo alcuni si può ancora trovare una soluzione prima della fatidica data del 31 dicembre, anche se ogni ora che passa assottiglia sempre di più le speranze. Andiamo a dare uno sguardo al motivo per cui è così difficile per i Repubblicani e per i Democratici trovare un compromesso su questioni urgenti come le tasse e la spesa e cosa succederebbe se non riuscissero a soddisfare le scadenze.

Fiscal Cliff, le forze fiscali

Se non si riuscisse a trovare una soluzione al fiscal cliff ci sarebbero alcune forze spaventose che si incontrerebbero ad inizio 2013, come ad esempio:

  • 536 miliardi di dollari in aumenti delle tasse che andrebbero a toccare quasi tutti gli americani
  • circa 110 miliardi di dollari in tagli alla spesa equamente divisi tra dipartimenti militari e federali. Si tratta di circa l'8 per cento dei loro bilanci annuali e del 9 per cento per il Pentagono

Questo doppio smacco di tagli alla spesa e di aumenti delle tasse, se sviluppato nel corso del 2013, porterebbe ad una nuova recessione, ad un aumento della disoccupazione e alla crisi dei mercati finanziari.

Cosa accadrebbe se non si trovasse un accordo?

Se il giorno di Capodanno dovesse arrivare senza avere un accordo, la nazione non dovrebbe entrare subito in recessione, dunque potrebbe esserci ancora tempo per progettare un "atterraggio morbido". Fino a quando i legislatori e il presidente sembrano andare d'accordo, gli aumenti fiscali e tagli alla spesa potrebbero essere tenuti a bada per qualche settimana ancora, fino a che si potrebbero promulgare delle leggi con effetto retroattivo. La carta da giocare è la fiducia del mercato azionario e delle imprese.

Se invece le parti non trovano nessun accordo?

Se i negoziati tra Obama e il Congresso dovessero collassare completamente, il 2013 si presenterebbe come un anno difficile. Le tasse salirebbero di 2.400 dollari in media per le famiglie con un reddito da 50.000 a 75.000 dollari annui. Dato che i consumatori avrebbero meno stipendio da spendere, ci sarebbe un calo dell'economia. Allo stesso tempo gli americani risentirebbero dei tagli ai servizi pubblici, con alcuni lavoratori federali che sarebbero licenziati. La nazione perderebbe fino a 3,4 milioni di posti di lavoro.

Fiscal Cliff, le tasse

Gran parte del disaccordo riguarda i tagli fiscali dell'era George W. Bush. Entrambi i partiti politici dicono di voler proteggere la classe media dall'aumento delle tasse ma se non si trova un accordo è una promessa che rimarrà solo "verbale".

Fiscal Cliff, la spesa

Se la nazione non dovesse trovare un accordo ci sarebbero dei tagli al bilancio per un valore tra l'8 e il 9 per cento che andrebbero a colpire il governo federale e che toccherebbe ogni cosa, dall'agricoltura alle forze dell'ordine.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Fiscal Cliff, ecco le conseguenze del mancato accordo"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: