Forex Trading Italia
22 gennaio 2015

Il Prezzo del Petrolio sopra 48 dollari al barile

Il prezzo del petrolio sale leggermente e si assesta un filo sopra il valore di 48 dollari al barile. Ecco tutte le ultime novità sull'oro nero.

Il petrolio è salito al di sopra del prezzo di 48 dollari al barile nella giornata di oggi, consolidando dopo una caduta nella sessione precedente, anche se i commercianti e gli analisti hanno detto che l'eccesso di offerta e la prospettiva di aumenti delle scorte ha portato ad una ulteriore debolezza.

I prezzi sono scesi fino al 5 per cento ieri dopo che il Fondo monetario internazionale ha tagliato le sue previsioni economiche globali per il 2015, anche in conseguenza del fatto che l'IRAN, uno dei paesi membri dell'OPEC, ha accennato ad una possibile ulteriore debolezza dei prezzi, dicendo che la sua industria petrolifera potrebbe resistere addirittura ad un prezzo di 25 dollari al barile.

Secondo Christopher Bellew, broker del greggio presso Jefferies di Londra, "il mercato sta consolidando tra un prezzo di 45 e 50 dollari al barile e ad un certo punto si prevede una rottura al ribasso". Un'ottima indicazione per capire come investire nel petrolio.

In un cambiamento di strategia, l'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha deciso, lo scorso anno, contro il taglio della sua offerta di produzione e ora sta scommettendo che il calo dei prezzi potrà frenare la crescita di concorrenti più costosi, come l'olio di scisto da parte degli Stati Uniti.

Il crollo dei prezzi sta iniziando a rallentare la crescita della produzione negli Stati Uniti e porta nuovi tagli all'investimento.

Le ultime indicazioni settimanali relativamente alle forniture negli Stati Uniti, il maggior consumatore di petrolio al mondo, sono attese per la giornata di oggi. Le scorte di greggio dovrebbero aumentare di 2,6 milioni di barili secondo un sondaggio Reuters tra gli analisti di mercato.

Il brent è sceso di quasi il 50 per cento nel 2014, il più grande calo annuale dal 2008, sotto pressione a causa della flessione della domanda e di un eccesso di fornitura.

La Russia, dopo la crisi del rublo, ha rifiutato di tagliare la sua produzione di barili, anche se secondo il vice primo ministro Arkady Dvorkovich la produzione di petrolio del paese asiatico potrebbe vedere un calo naturale di ben 1 milione di barili al giorno.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Il Prezzo del Petrolio sopra 48 dollari al barile"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: