Forex Trading Italia
05 ottobre 2016

Maggiori produttori di caffe al mondo, dal Brasile al Guatemala

Brasile, Vietnam e Colombia sono primo, secondo e terzo paese maggiore produttore di caffè al mondo. Vediamo la classifica completa delle prime dieci posizioni.

Con un bar che si trova a quasi ogni angolo di tantissime città di tutto il mondo, non è una sorpresa che il caffè sia una delle migliori materie prime in tutto il mondo. E’ la terza bevanda più consumata a livello globale dopo l'acqua e il , per questo motivo i chicchi di caffè sono molto richiesti in tutto il mondo ed i primi paesi produttori di questa materia prima ne producono milioni di chilogrammi.

Secondo solo al petrolio, il caffè è la seconda merce più scambiata al mondo, con circa mezzo trilione di tazze bevute all'anno. Questa materia prima non è usata solo per fare tazzine di caffè, ma viene usato anche nelle bevande come la cola, nei prodotti farmaceutici e nei cosmetici. Nonostante i diversi sapori, ci sono due principali qualità di caffè: l’Arabica e la Robusta, che è molto più economica e facile da far crescere. Ne parliamo in maniera precisa nel nostro approfondimento sul mercato del caffè.

In questo articolo, invece, elenchiamo i primi 10 produttori al mondo di caffè, i cui mercati sono da tenere sotto controllo per chi volesse investire nel mercato e fare delle previsioni dei prezzi del caffè.

Approfondimento: grafico del prezzo del caffè 2017.

Guatemala, 224.871 tonnellate

Il Guatemala ha prodotto 204 milioni di chilogrammi di chicchi di caffè nel 2015 e il numero della produzione è rimasto abbastanza costante nel corso degli ultimi anni. I chicchi di caffè sono più abbondanti in Guatemala negli anni in cui la temperatura si aggira tra i 16 e i 32 ° C, e ad altitudini comprese tra i 500 ei 5.000 metri sul livello del mare. Il paese era uno dei migliori produttori dell'America Centrale fino a che non è stato superato dall’Honduras nel 2011.

Il paese è entrato nel mercato del caffè prevalentemente per cercare di trovare un prodotto da esportare che potesse sostituire indaco e cocciniglia, due delle prime esportazioni del paese, che sono state rese inutili una volta che i coloranti chimici sono stati inventati, nel 1800. A quel tempo, il governo ha iniziato una politica di sostegno al settore, offrendo vantaggi commerciali e fiscali. Nel 1960 il governo ha ulteriormente spinto verso una maggiore domanda globale di caffè guatemalteco con l'istituzione di Anacafé (Asociación Nacional del Café), un'associazione di marketing che, fino ad oggi, continua a promuovere i prodotti del caffè guatemalteco in tutto il mondo.

Messico, 257.940 tonnellate

Nel 2015, il Messico ha prodotto più di 234 milioni di chilogrammi di chicchi di caffè. La nazione produce prevalentemente Arabica di alta qualità, coltivato ​​nelle regioni costiere vicine al confine con il Guatemala, ed è responsabile di gran parte delle importazioni statunitensi di caffè.

Nel 1990 ci fu una crisi nella produzione di caffè in Messico, dato che l'accordo internazionale sul caffè venne smantellato e il prezzo della materia prima in tutto il mondo non vennero più strettamente controllate, il che ha portato ad una incapacità del paese di competere nel mercato globale. Questo calo dei prezzi e della produzione ha portato a delle notevoli perdite di denaro e a tutta una serie di problematiche sociali in tutta la nazione. Mentre la produzione di caffè è diminuita nel corso degli anni '90 e negli anni 2000, la domanda è rimasta sempre costante da parte degli Stati Uniti, cosa che ha favorito la ripresa del mercato.

Uganda, 314.489 tonnellate

Anche se l'Uganda non viene spesso in mente quando si pensa alla produzione di caffè, si tratta del primo paese africano per esportazione di questa materia prima. Nel 2015 ha superato il Messico ed è diventata l'8° nazione in classifica per la produzione di caffè. La nazione coltiva sia i chicchi della qualità Robusta che dell’Arabica, provenienti dalla vicina Etiopia.

Il caffè è una parte vitale dell'economia ugandese e gran parte della popolazione attiva lavora nelle industrie correlate. La produzione di caffè venne inizialmente fatta sotto stretto controllo del governo, tuttavia dopo il giro di privatizzazioni nel 1991 c’è stata una forte ripresa del settore che ha portato ad un aumento del 5100% della produzione, dal 1989. Tuttavia, il governo ancora esercita un certo controllo sulla industria e il flusso di caffè fuori dal paese è controllato dalla Uganda Coffee Development Authority.

Honduras, 380,296 tonnellate

L’Honduras ha prodotto 345 milioni di chilogrammi di caffè nel 2015, quasi corrispondenti al picco di 354.180 chili del 2.011. Si scontra ancora oggi con problemi legati attribuiti alla mancanza di un marchio nazionale, ma nonostante questo il caffè rimane una parte vitale dell'economia honduregna. In quanto più grande produttore dell’America Centrale, l'industria fornisce continuamente occupazione e reddito per gran parte della popolazione ed è stato proprio il settore che ha tenuto a galla l'economia della nazione durante la crisi politica del 2009 e il seguente colpo di Stato.

India, 385.786 tonnellate

L'India ha prodotto 349.980.000 di chilogrammi di chicchi di caffè nel 2015. Non tutte le regioni della nazione sono adatte per la produzione di caffè e la maggior parte delle piantagioni è fatta nel tratti collinari degli stati indiani del sud. I chicchi sono coltivati da piccoli agricoltori in condizioni di pioggia dei monsoni e spesso sono piantati accanto a spezie come il cardamomo e la cannella, che conferiscono al caffè un sapore piccante. Il caffè non è la bevanda più popolare nel paese, titolo che spetta al tè. Come tale, l'80% della produzione di caffè in India è destinata a fini di esportazione, con i principali acquirenti che sono Europa e Russia.

Etiopia, 423.287 tonnellate

L’Etiopia produce grandi quantità di caffè ogni anno, con 384 tonnellate nel solo 2015. L'Etiopia è la sede geografica del caffè Arabica, dove si trova i chicchi più popolari in tutto il mondo. Oltre il 28% delle esportazioni annuali dell'Etiopia sono il risultato del mercato del caffè, e si stima che circa 15 milioni di cittadini siano impiegati nell’industria.

L'Etiopia ha una ricca cultura del caffè e sono diverse le varianti regionali del chicco di Arabica, ognuna con un nome diverso e un gusto caratteristico. I chicchi Harar, Limu, Sidamo e Yirgacheffe sono tutte varietà dell’Arabica.

Indonesia, 814.629 tonnellate

Anche se è noto a livello internazionale come produttore, l’Indonesia ha prodotto oltre 660 milioni di chilogrammi di chicchi di caffè nel 2015. Il paese ha optato per la produzione di Robusta invece che di Arabica dato che il clima del paese è più adatto alla produzione del primo piuttoso che del secondo. La produzione di caffè è stata introdotta in Indonesia dai coloni olandesi e oggi le piantagioni coprono oltre 1 milione di ettari di territorio. Un caffè di alta qualità per cui l'Indonesia è famosa èl i Kopi Luwak, un chicco costoso che ha un metodo di produzione unica.

Colombia, 892.871 tonnellate

Il caffè colombiano è famoso in tutto il mondo, forse in parte grazie al lavoro della Federazione Nazionale dei coltivatori di caffè della Colombia. Il clima sta giocando un ruolo negativo nella produzione di caffè colombiano: tra il 1980 e il 2010 le temperature sono lentamente aumentate, così come le precipitazioni, entrambi fattori che mettono a rischio le condizioni climatiche necessarie per produrre il tipo di chicco preferito della Colombia. Il paese era tradizionalmente al secondo posto, dietro il Brasile, per la produzione di caffè, sceso di recente è al terzo posto a causa della produzione in rapida espansione del Vietnam. Nonostante tutto, la Colombia rimane un paese chiave nel mercato internazionale del caffè.

Vietnam, 1.818.811 tonnellate

Mentre molti hanno familiarità con il caffè vietnamita, una bevanda forte dove il caffè viene miscelato con del latte zuccherato e condensato, il Vietnam è il secondo più grande produttore di caffè al mondo. Mentre c’è stato comprensibilmente un rallentamento dell’economia durante e dopo la guerra del Vietnam, il caffè è rimasto una parte fondamentale dell'economia vietnamita. Oggi vediamo ancora una rapida espansione della produzione di caffè del paese, che era pari a solo 6.000 tonnellate nel 1975 e ora è quasi a 2 milioni.

Brasile, 2.859.502 tonnellate

Un primo posto scontato quello del Brasile, il paese maggior produttore mondiale di caffè. Nel 2014, il paese ha prodotto 2,5 milioni di tonnellate di caffè. Le piantagioni di caffè coprono circa 27.000 chilometri quadrati, con la maggior parte di esse che si trova nel Minas Gerais, a San Paolo e Paranà, tre stati del sud-est dove il clima e la temperatura sono ideali per la produzione di caffè. Il Brasile si distingue da altre nazioni produttrici di caffè per il processo di realizzazione, dove i chicchi vengono essiccati al sole piuttosto che fatti passare attraverso un processo ad umido.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Maggiori produttori di caffe al mondo, dal Brasile al Guatemala"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: