Forex Trading Italia
03 ottobre 2016

Posizionare uno Stop Loss: come farlo correttamente

Approfondimento su come impostare correttamente uno stop loss, come posizionare in maniera esatta questo strumento di protezione del capitale.

Quando si entra nel mercato Forex è fondamentale utilizzare e saper posizionare bene gli stop loss così da proteggersi da eventuali movimenti imprevisti del mercato e dalla perdita di (troppo) denaro.

Sappiamo che i trader, in maniera particolare quelli novizi e appena arrivati ad investire nel forex, non amano questo strumento di trading in quanto lo equiparano al voler perdere denaro.

Effettivamente, lo stop loss altro non è che questo: accettare di perdere una certa somma di denaro perché si è sbagliato (capita a tutti, anche ai più grandi investitori della storia), con il vantaggio però di non rischiare di perdere ancora più soldi semplicemente perché non si ha il buon senso di vedere l'errore. Sbagliando s'impara, anche nel mercato delle valute.

Come posizionare uno stop loss: consigli utili

Poiché non tutti sanno come posizionare uno stop loss, in questo articolo andiamo ad approfondire il concetto e a darti degli esempi concreti.

Come-Posizionare-Stop-Loss-correttamente

Posizionare lo stop loss in base alla perdita massima


Se si è novizi del forex il consiglio che ti diamo è di posizionare lo stop loss in maniera tale da non perdere più del 2% del tuo budget di investimento. Ad esempio, se hai investito 1.000 € , lo stop loss dovrebbe permetterti di non perdere più di 20 € dalla singola posizione.

Per sapere a quanti pips corrispondono questi 20 € , ti diciamo che:

  • in un lotto standard (da 100.000 unità di valuta) 20 € sono 2 pips
  • in un mini lotto (da 10.000 unità di valuta) 20 € sono 20 pips
  • in un micro lotto (da 1.000 unità di valuta) 20 € sono 200 pips

Per approfondire ti invitiamo a leggere che cosa sono i lotti e il nostro testo su come calcolare i lotti nel forex.

Posizionare uno stop loss di fronte ad un supporto o una resistenza


L'esempio che ti abbiamo detto prima, del 2%, è standard e va bene per (quasi) ogni caso. Se, infatti, ti trovi di fronte ad un buon supporto o ad una buona resistenza potrebbe valere la pena impostare lo stop loss appena al di là di essi.

Ad esempio, se hai una supporto a quota 1.5000 per una certa coppia di valute e decidi di andare long, lo stop loss dovrebbe essere messo al di sotto del prezzo di 1.5000. Se invece hai una resistenza a quota 1.3550 e decidi di andare short, allora lo stop loss deve essere inserito al di sopra di 1.3550. In questo modo di assicuri che anche se il prezzo dovesse rompere il supporto o la resistenza, il tuo capitale è protetto perché stai applicando delle buone regole di money management.

Trailing stop

Si tratta di un particolare tipo di stop loss che si sposta da solo in base all'andamento della posizione. Ad esempio, ogni 10 pips di movimento del prezzo, il trailing stop si sposta di 1 pip nella direzione del movimento stesso.

Il vantaggio di questo particolare stop loss è che si adatta alla posizione, offrendoci una protezione dinamica, che si adatta al mercato. Per approfondire, leggi il nostro approfondimento sul trailing stop.

Spostare a mano lo stop loss

Tra le cose che si possono fare quando si parla di stop loss c'è anche la possibilità di spostarne il valore per farlo rispecchiare nel mercato e nel suo andamento.

Quando si parla di spostare lo stop loss, non bisogna mai farlo velocemente perché si tratta di un errore fatale, bensì occorre sempre mantenere il livello di stop fuori dalla volatilità giornaliera e dietro la media mobile, oltre che dietro il livello di supporto o dietro la resistenza.

Un'altra possibilità è di impostare lo stop loss "a tempo". Questo tipo di stop loss sono particolarmente efficaci quando si usano nel trading in breakout. Se si verifica una discontinuità nel trend, avremo un obiettivo preciso da seguire, se il bersaglio non viene toccato entro un certo periodo di tempo, normalmente da poche ore a un giorno, allora possiamo semplicemente eseguire semplicemente al prezzo di mercato.

Quando si può cambiare lo stop loss?

Il commercio cambia in ogni momento, questo è il bello del Forex, ed ecco perché lo stop loss può essere spostato di tanto in tanto, a patto di rimanere all'interno della propria strategia di trading e di non farlo troppo velocemente bensì attendendo le conferme da parte del mercato (che si possono avere con gli indicatori tecnici o seguendo le notizie del calendario economico).

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Posizionare uno Stop Loss: come farlo correttamente"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: