Edizione del 25 May 2018 - Home - Redazione - Note Legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità
Forex Trading Italia
|

Regolamentazione dei Bitcoin in Russia, le ultime novità

La Russia ha pronto un disegno di legge con cui andare a regolamentare i Bitcoin e le altre criptovalute.

Regolamentazione dei Bitcoin in Russia, le ultime novità

Interessante novità in arrivo dalla Russia: sembra che il paese di Putin voglia regolamentare i Bitcoin e le criptovalute in generale. Secondo le indiscrezioni trapelate dal Cremlino nel corso delle ultime ore, infatti, sarebbe già pronto un disegno di legge con il quale le criptovalute potrebbe essere legalizzate in Russia.

Questo apre certamente a nuovi scenari, non solo nel paese euro-asiatico, ma anche in tutto il resto del mondo, con il fenomeno delle cripto che è scoppiato lo scorso anno e che, si prevede, dovrebbe vivere un grande 2018.

Le quotazioni delle principali valute virtuali, a cominciare dai Bitcoin e fino anche a Litecoin e Ripple, potrebbero trarne enorme beneficio.

Ma andiamo con ordine.

Perché la Russia vuole regolamentare le criptovalute?

Il motivo dietro alla volontà della Russia di regolamentare le criptovalute è duplice:

  • impedire che esse possano trasformarsi in uno strumento per scambi illegali e riciclaggio di denaro sporco;
  • tassare le transazioni e rimpinguare così le casse dello stato

Effettivamente, come si è visto fino ad oggi, nonostante il fatto che tanti tra i migliori investitori della storia, le banche centrali ed esperti in tutto il globo abbiano criticato le criptovalute (il Bitcoin in maniera particolare, abbassandolo al grado di truffa), la capitalizzazione di mercato è in costante crescita e non sembra ci sia modo di arrestarla.

Le cripto stanno rivoluzionando il nostro mondo e potrebbero davvero cambiare l'economia così come la conosciamo fino ad oggi.

Legalizzazione criptovalute in Russia, come funzionerà

Se il progetto legalizzazione cripto andrà in porto, si finirà per disciplinare lo scambio e la diffusione delle monete digitali, che tuttavia non potranno mai sostituire il rublo come principale moneta di scambio. Ad esempio, i debiti non potranno essere saldati in cripto ed i pagamenti effettuati in questa maniera verranno considerati illegali.

Per cui, legalizzazione e regolamentazione sì, ma con attenzione a non intaccare la sovranità monetaria.

Quotazione criptovalute dopo la notizia russa

Dopo che la notizia è stata diffusa, non c'è stato un grande movimento in termini di quotazione per le criptovalute, con i Bitcoin che continuano ad essere valutati attorno a 11.000 dollari, Ether attorno ai 1.000 dollari, e Litecoin tra 160 e 180 dollari.

Anche Ripple e Stellar Lumens, due monete / sistemi di pagamento che dovrebbero fare da ponte tra la finanza tradizionale e quella delle valute digitali, non hanno fatto vedere grandi balzi in avanti.

La regolamentazione è il futuro delle criptovalute?

Affinché il mondo delle cripto possa continuare a crescere, la regolamentazione del fenomeno è importantissima da diversi punti di vista.

Ovviamente i governi non possono permettere che si usino delle monete digitali senza alcun controllo, altrimenti si rischia di creare davvero un fenomeno inarrestabile.

Il 2018 potrebbe essere l'anno dei controlli e dei regolamenti per le cripto, che solo lo scorso anno hanno visto un "boom" senza precedenti, con tantissime valute che hanno avuto un incremento di valore di oltre 1.000 punti percentuali.

Questo, tuttavia, non deve far preoccupare gli investitori e gli appassionati: anche gli esperti dicono che il valore potrebbe continuare a crescere e tanti sono convinti che l'attuale calo sia solo un normale ritracciamento del mercato.

Scritto da Gino Topini. Appassionato di investimenti, trading e criptovalute, sono stato relatore presso il China Forex Expo 2017 e protagonista di un podcast sul sito canadese Desire To Trade.

Per approfondire: