Forex Trading Italia
23 novembre 2016

Come scegliere gli investimenti da fare nel 2017: 6 consigli per investire oggi

Investimenti sicuri per il 2017: quali sono le migliori soluzioni? Cosa propone il mercato per tutti coloro che cercano degli investimenti tranquilli, sia in banca che alle poste?

Scegliere gli investimenti giusti nel 2017 non è facile perché sempre più persone sono avverse al rischio. Le percentuali, secondo uno studio condotto da UBS, parlano chiaro: il 52% degli intervistati ha i loro risparmi in investimenti sicuri, solo il 28% ha deciso di optare per delle azioni. E' una percentuale praticamente invertita rispetto a quanto facevano i giovani degli anni passati, per i quali le percentuali erano quasi al contrario: il 23% in investimenti sicuri, il 46% in azioni.

Come scegliere gli investimenti da fare nel 2017?

Investire in maniera conservativa, investire molto poco, oppure tenere da parte del denaro contante, è in contrasto con i consigli di investimento convenzionali che solitamente si riservano ai giovani, i quali sono invitati di solito ad investire aggressivamente dato che il proprio orizzonte temporale permetterà loro di recuperare eventuali perdite e gli darà modo di raccogliere i vantaggi legati alla crescita del loro investimento.

La situazione odierna del mercato

Siamo oggi in una situazione nella quale l'incertezza regna sovrana. Il Brexit, ovvero l'uscita del Regno Unito dall'UE, l'elezione a presidente degli Stati Uniti di Donald Trump, e il Quantitative Easing della BCE sono tutte variabili molto pesanti, che hanno la loro grande influenza sui mercati e sui rendimenti.

Non è un caso che, oggi, la maggior parte degli investimenti sicuri ha dei rendimenti minimi e che scegliere il miglior conto di deposito non è semplice.

In questo articolo vogliamo darvi alcuni consigli su come poter scegliere l'investimento migliore per il 2017.

Passo 1, scegliere gli investimenti giusti nel 2017 conoscendone i vari tipi

Se non siete esperti del settore degli investimenti è fondamentale apprenderlo, prima di muoversi. Si possono leggere alcuni libri (ne consigliamo alcuni sulla nostra sezione di libri forex), si può partecipare ad un corso dedicato agli investimenti o magari fare qualche ricerca in internet.

E' fondamentale sapere quantomeno le basi:

  • che cosa sono gli asset;
  • che cosa è una coppia di valute;
  • cosa è un titolo azionario;
  • che cosa è l'allocazione degli investimenti;
  • che cosa è un fondo comune di investimento;
  • che cosa è un ETF;
  • cosa è un CDF (Contratto per Differenza);
  • che cosa è il forex;
  • come funziona il mercato delle valute.

Passo 2, investire in un portafoglio ampiamente diversificato di ETF a basso costo (exchange traded funds) e fondi indicizzati

Mantenere bassi i costi è il modo più sicuro per avere rendimenti elevati. Nel corso del tempo, gli oneri percentuali degli investimenti possono crescere e finiscono per mangiare una buona serie di guadagni.

Scegliere dei fondi indicizzati o degli ETF ha il vantaggio non solo di mantenere bassi i costi, ma anche di limitare il rischio. Con questo tipo di approccio, che permette di investire in fondi comuni o in ETF che, a loro volta, investono in oltre 8.000 titoli e asset diversi, non si corre un gran rischio di perdere tutto il denaro che si ha.

3. Non cercare di battere il mercato, ma cavalca l'onda

Nel tentativo di battere il mercato, di solito gli investimento sottoperformano perché comprano e vendono in tempi non ottimali.

Praticamente nessuno passa attraverso un mercato toro o attraverso un mercato orso e ne esce meglio usando un fondo indicizzato. Secondo gli esperti per poter guadagnare al meglio è importante dividere i guadagni tra vari tipi di mercato.

E' importante creare un portafoglio diversificato tra varie classi di attività e a seconda di quanto rischio si vuole prendere si deve determinare l'equilibrio tra azioni (più rischiose) rispetto alle obbligazioni (meno rischiose). Bisogna regolarmente investire una parte del proprio stipendio (o altro denaro che si guadagna regolarmente) in modo che investire diventi un'abitudine costante.

> Investire in obbligazioni estere

4. Se si vuole provare ad investire in azioni bisogna mettere da parte una piccola percentuale del proprio portafoglio ed essere disposti a perdere tutto

Una volta che hai un bel gruzzolo per iniziare, dovresti considerare l'idea di un consulente finanziario (o consulente di investimento) che possa darti dei consigli. Con il consulente bisogna determinare una percentuale che si può tranquillamente mettere da parte per investire nell'azionario.
Quanto denaro bisognerebbe investire nel mercato?
In generale, si può destinare una percentuale del proprio guadagno netto mensile compresa tra il 5% e il 10%.

5. Per mitigare il rischio bisogna diversificare pensando anche ai mercati e ai settori emergenti.

Diciamo che si pensa che internet potrebbe crescere enormemente in Cina nei prossimi anni, si può pensare di investire in aziende che potranno beneficiare di tale crescita, magari società di e-commerce o social network.

Bisognerebbe tenere d'occhio, per lo stesso motivo, anche alle cosiddette economie di frontiera, cioè quelle che si trovano ad una situazione tale da non essere ancora neanche emergenti, ma che potrebbero crescere enormemente in futuro.

6. Per scegliere le azioni su cui investire, bisogna valutare anche sulla base delle proprie conoscenze e delle idee che sono convincenti per sé stessi e per le quali si pensa ci sia una base ragionevole.

Non bisogna mai scegliere come motivo dell'investimento il rendimento passato dei titoli: se il tuo intuito ti dice che la stampa 3D potrebbe crescere nel corso del prossimo futuro, allora è il mercato giusto. Non bisognerebbe mai guardare a quello che è successo lo scorso anno per decidere come investire quest'anno.

In conclusione

Chiudendo questo articolo su come scegliere gli investimenti giusti nel 2017, ricordiamo che bisogna comprare un titolo perché si crede in esso, non perché il prezzo sembra basso.

Perché scegliere di acquistare un titolo che non fa soldi nel mercato toro (in salita)? Chiaramente, se in un mercato del genere il titolo non sale significa che gli investitori non credono che sia un buon affare al prezzo corrente. Si potrebbe credere che essi stiano sbagliando, ma è importante scegliere un motivo valido piuttosto che optare solo per il fatto che il titolo è più economico di quanto non lo fosse un anno fa.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Come scegliere gli investimenti da fare nel 2017: 6 consigli per investire oggi"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: