Forex Trading Italia
05 maggio 2015

Tassi di Interesse in Australia: la RBA li Taglia al 2%

La RBA ha deciso di tagliare il tasso di interesse del paese al 2%, il minimo storico. La reazione del dollaro australiano AUD non si è fatta attendere.

Tra le elezioni generali nel Regno Unito, la bilancia commerciale e il mercato del lavoro da Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda, questa sarà una settimana molto particolare per il mercato del forex.

Tutto è iniziato ieri, con la Reserve Bank of Australia che ha tagliato il tasso del denaro ad un nuovo minimo storico del 2 per cento, citando la debolezza economica in corso nel paese. La riduzione di un quarto di punto è stata ampiamente prevista dai mercati e porta i tassi, come detto, al minimo sin dal 1950.

Come era facile prevedere, il dollaro australiano ha reagito immediatamente scendendo un po' contro il dollaro americano, come si vede dal grafico AUD/USD. Tuttavia, la valuta australiana ha recuperato rapidamente ed è arrivata al nuovo massimo giornaliero a 79,05 dopo che sono emersi dei dettagli sul motivo per cui il Consiglio ha deliberato di tagliare i tassi.

Il governatore della RBA Glenn Stevens ha detto che la decisione è stata presa nonostante alcune tendenze in miglioramento della domanda da parte delle famiglie negli ultimi sei mesi e nonostante una più forte crescita dell'occupazione. Egli ha detto che "guardando avanti, la resistenza chiave ad una ulteriore salita della domanda privata è probabile che sia la debolezza degli investimenti sia nel minerario che non. Inoltre, anche la spesa pubblica dovrebbe essere debole ed è pertanto probabile che l'economia debba continuare ad operare con un certo grado di capacità inutilizzata per qualche tempo ancora."

L'ultima tornata di taglio dei tassi, che è iniziata con un calo a febbraio al 2,25 per cento, ha lo scopo di stimolare gli investimenti delle imprese al di fuori del settore minerario.

Questo taglio dei tassi dovrebbe anche portare ad un calo dei tassi dei mutui casa, che potrebbero scendere al di sotto del 4 per cento questo mese, il valore più basso mai registrato. I mutuatari tipici potrebbero pertanto riuscire a risparmiare circa 1.200 dollari quest'anno sul costo del prestito a fronte di quello che è stato pagato l'anno precedente.

Il linguaggio usato dalla banca centrale parlando della decisione del taglio sembra inoltre suggerire che questo appena visto potrebbe essere l'ultimo taglio nel ciclo corrente. Stevens ha infatti detto che "le prospettive di inflazione hanno fornito l'opportunità di alleviare ulteriormente la politica monetaria in modo da rafforzare le recenti tendenze in crescita da parte della domanda delle famiglie".

Questo potrebbe  essere interpretato dai mercati come un segno che la RBA pensa che la fine del ciclo di allentamento sia più vicina.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Tassi di Interesse in Australia: la RBA li Taglia al 2%"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: