Forex Trading Italia
08 maggio 2015

Le Tendenze nel Forex: Cause, Stadi di Sviluppo e Fine

Il trend è "tuo amico", è uno dei detti più importanti del Forex. Ma come si fa, in pratica, per identificare un trend e capire se è valido o meno, oltre che per capire se il trend che abbiamo di fronte sta per finire?

Si parla di tendenze dei mercati finanziari quando il prezzo tende a muoversi in una particolare direzione per un certo periodo di tempo. A seconda della lunghezza del periodo si può parlare di tendenze a lungo, medio o breve termine. È inoltre possibile ordinare la tendenza secondo la direzione predominante del movimento dei prezzi:

  • Bullish: il prezzo tende a salire.
  • Bearish: il prezzo tende a scendere.
  • Laterale: il prezzo non si muove nè in una direzione, nè nell'altra

Investendo nel mercato forex, una delle chiavi del successo è quella di identificare il trend e la posizione nel mercato in base alle caratteristiche del trend rilevato. Vedremo le diverse fasi in cui una tendenza si sviluppa e come influisce sul trading.

La maggior parte del tempo (ci sono delle eccezioni), il valore di una moneta riflette la situazione economica del paese. Un'economia forte avrà anche una moneta forte, che tende a salire. Un'economia con una buona salute e una forte crescita attrae investimenti stranieri e questi investimenti accrescono la domanda per la valuta, quindi il valore di questa tende ad aumentare.

Le teorie circa le fasi e lo sviluppo dei cicli di mercato e della tendenza sono molteplici, tra cui alcune molto esotiche. Possiamo citare ad esempio la famosa teoria delle onde di Elliot e di Dow. L'unica cosa che è chiara è che la tendenza nasce, si sviluppa e muore. La durata e la forza possono variare notevolmente, e in effetti lo fanno, esistono lunghe e pronunciate tendenze, oppure basse e larghe tendenze, oltre che tutte le possibili combinazioni intermedie. Dobbiamo imparare a individuare i segnali di inizio e fine per imparare a scambiare durante lo sviluppo di un trend.

Il consiglio più comune è che il trend è tuo amico, ma cosa succede se non c'è una tendenza? In questo caso ci troviamo di fronte ad una situazione di mercato nota come consolidamento. Anche se il commercio in questo caso può avere successo, il trading con le tendenze è generalmente migliore e meno rischioso per la maggior parte delle volte. Ovviamente la parte più difficile, e quella che tutti vorremmo sapere con certezza, è quella di determinare quando una tendenza comincia e quando finirà.

Dove inizia la tendenza?

Non possiamo pretendere di rispondere a questa domanda in maniera chiara, né di dare una risposta in grado di soddisfare tutti, anche raccomandare una strategia Forex o uno strumento infallibile è difficile. Possiamo consigliarvi di leggere il nostro testo su come fare trading con il trend e quello su come fare trading contro il trend.

Possiamo inoltre fare un po' di analisi tecnica per capire da dove cominciare. Possiamo dire sicuramente che è più facile rilevare quando siamo in un trend di mercato che indovinare quando esso inizierà. Per rilevare se siamo in procinto di una tendenza possiamo usare un canale creato con le medie mobili e con l'indicatore RSI.

Come capire se siamo in trend Forex o no

Per cominciare, possiamo aprire un grafico giornaliero EUR / USD. Si può dunque aggiungere una semplice media mobile di 20 periodi calcolata al prezzo di chiusura.

Poi si possono aggiungere altre due medie mobili calcolate nella stessa maniera (20 periodi) ma con altri prezzi di massimo e di minimo. Si ottiene così una sorta di canale che ci aiuterà ad identificare i periodi di tendenza graficamente.

La media mobile è un indicatore di tendenza, adesso abbiamo bisogno di un indicatore di momentum, come l'RSI. In questa maniera sappiamo se siamo in una fase di mantenimento del trend. Il consiglio è quello di usare un RSI a basso periodo, 2, invece del solito 14.

Se il prezzo lascia il canale significa che saremo in un trend. Secondo la teoria nota come "ritorno alla media" il prezzo tenderà a ritornare verso il centro e, dato che siamo in fase di tendenza, saremo di fronte ad un'opportunità di negoziazione (acquisto o vendita in direzione della tendenza). L'RSI ci aiuterà a confermare il segnale. In altre parole cercheremo di entrare nella tendenza per seguire i movimenti del trend attuale.

Come capire quando una tendenza finisce

Se è importante cercare dei segnali per trovare una possibile tendenza, altrettanto importante è identificare i segnali di fine di un trend. Nei punti di cambiamento o di inversione, quando finisce la tendenza attuale ne inizia una nuova (o entra in fase di consolidamento).

Segnali di una possibile fine della tendenza attuale si trovano nei modelli grafici come il doppio minimo o il doppio massimo, oppure nella rottura di supporti e resistenzeo ancora secondo altri segnali come i modelli di Fibonacci.

Oltre a guardare i segnali di una possibile fine della tendenza, non fa mai male per essere protetti da eventuali perdite eccessive con degli ordini di stop loss a distanza di sicurezza.

Non possiamo certo prevedere il futuro delle valute e tutte le nostre operazioni speculative si basano proprio su questo, cioè sulla speculazione e non su certezze. Quindi dobbiamo essere aperti a qualche rischio e utilizzare metodi per controllare e gestire questo rischio e per la gestione del denaro nel Forex.

In breve, è sempre meglio fare trading con il trend che andare contro, l'analisi tecnica e quella fondamentale ci possono essere molto utili per determinare i migliori tempi di entrata e di uscita.

Autore: Gino Topini

Lascia il tuo commento su "Le Tendenze nel Forex: Cause, Stadi di Sviluppo e Fine"

Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

Per approfondire: