Come diversificare gli investimenti

284

Se non sai come diversificare gli investimenti e hai paura di perdere tutti i tuoi soldi, scopri i 7 passi che NON sai per costruire un portafoglio migliore.

Nel mondo degli investimenti, la diversificazione è una strategia utilizzata per cercare di minimizzare i rischi di perdere il denaro investito.

Si tratta di un modo con cui poter guadagnare meglio e garantirsi una maggior sicurezza dei capitali.

Come diversificare gli investimenti?

Cosa significa diversificare gli investimenti?

Invece di mettere tutti i soldi in un solo investimento, l’idea è quella di sceglierne più tipologie. L’obiettivo è quello di correre meno rischi di perdere denaro e, naturalmente, avere la possibilità di guadagnare di più in quanto si approfitterà delle opportunità in diversi settori.

Se è già difficile scegliere un investimento, sceglierne diversi è impossibile“: questo è il pensiero di molte persone.

Tuttavia, la verità è che questo processo non è complicato e vi mostreremo 7 passi molto semplici per imparare a diversificare gli investimenti e avere un portafoglio completo.

Definisci il tuo profilo-investitore

Il primo passo è quello di passare attraverso una “crisi d’identità” e scoprire che investitore sei.

Hai il terrore di perdere soldi? Forse sei un conservatore e degli investimenti sicuri potrebbero essere più adatti a te.

Ti piace correre dei rischi per guadagnare di più? Forse sei un temerario e allora investire in azioni o investire in criptovalute potrebbe essere quello che fa per te.

Se non ti senti né l’uno e né l’altro, allora sei un investitore moderato (sono molti come te).

Analizza la tua vita finanziaria e le tue caratteristiche per capire qual è il tuo profilo di rischio. Da questo, puoi definire quale percentuale del tuo patrimonio assegnare ad ogni tipo di investimento.

Ad esempio:

  • l’investitore “conservatore” può mettere il 95% del suo patrimonio in investimenti a reddito fisso come i conti deposito e il 5% in investimenti a reddito variabile;
  • l’investitore moderato può investire l’80% in investimenti a reddito fisso e il 20% scegliere opportunità a reddito variabile;
  • gli investitori audaci possono investire il 60% in reddito fisso e il 40% in azioni.

Avrai notato che il portafoglio di ogni investitore deve avere più investimenti a reddito fisso rispetto alle azioni. Questo perché la maggior parte degli esperti dice che gli investimenti a reddito variabile non dovrebbero mai essere più della metà del proprio capitale totale.

Se non sai che tipo di investitore sei, puoi rivolgerti a servizi professionali in Italia come MoneyFarm(clicca per andare sul sito ufficiale) che capiranno per te che investitore sei e ti aiuteranno a scegliere la migliore composizione del tuo capitale di investimento.

Definisci i tuoi obiettivi

Il secondo passo è definire i tuoi obiettivi. Molte persone finiscono per investire senza alcuno scopo e questa non è la cosa migliore da fare.

Se non definisci qual è la tua motivazione, può essere difficile avere la dedizione e la disciplina per investire ogni mese.

Puoi scegliere qualunque cosa abbia un significato per te: avere una pensione tranquilla, andare in vacanza, comprare una casa…

Vale la pena ricordare che non è necessario avere un solo obiettivo. Puoi avere un obiettivo a breve termine, uno a medio termine e uno a lungo termine, per esempio. L’importante è “progettare” tutti i tuoi obiettivi per sapere quanto devi risparmiare per realizzarli.

Scegliere diverse scadenze

Un portafoglio diversificato soddisfa i tuoi diversi obiettivi in diversi momenti della tua vita.

Per questo, è necessario analizzare le opzioni di investimento disponibili per scegliere quelle che si adattano ai tuoi obiettivi.

Se il tuo obiettivo è quello di viaggiare tra un anno, per esempio, devi mettere una parte dei soldi in un investimento che abbia scadenza in quel lasso di tempo.

Se vuoi avere una pensione tranquilla, allora devi investire a lungo termine.

Si tratta di un puzzle in cui i tuoi investimenti sono divisi in base alla necessità di riscattare il denaro in futuro.

Creare una riserva di emergenza

Molte volte, questo quarto passo viene dimenticato dagli investitori quando creano un portafoglio.

Prima di distribuire il capitale in diversi asset di investimento, è essenziale creare una riserva d’emergenza.

Si tratta di denaro che sarà investito in titoli con liquidità giornaliera e che dovrebbe essere usato solo in casi di emergenza.

Alcuni esperti raccomandano un importo che copre 6 mesi di spese, altri raccomandano 12 mesi.

Sta a te decidere quanto denaro senti giusto mettere da parte per far fronte a delle spese impreviste.

La cosa interessante è capire che è necessario avere questa riserva “dentro” la diversificazione del tuo patrimonio.

Scegliere diverse opzioni in ogni gruppo

Quando si tratta di diversificazione, gli esperti di solito raccomandano una percentuale di denaro da investire in reddito fisso e un’altra percentuale nel reddito variabile (leggi il passo 1).

Volendo approfondire il concetto, possiamo dire che è importante anche investire il denaro in attività diverse anche all’interno dello stesso gruppo.

Esempio: se sei un investitore moderato, potresti mettere l’80% dei tuoi soldi in investimenti a reddito fisso, e il 20% in azioni.

All’interno di questo 80%, una parte può andare in conti deposito, un’altra parte in Buoni Fruttiferi Postali.

Del 20%, una parte può andare nelle migliori azioni, il resto all’investimento in valute estere forex o ad investire in materie prime.

Questo ti permetterà di mitigare ancora di più i rischi.

Aprire conti con diverse banche o broker

Il sesto passo per avere un portafoglio completo è più un consiglio: aprire un conto con diverse istituzioni finanziarie.

E’ molto importante aprire conti in diverse banche e con vari broker di investimento perché così ti metterai al riparo anche da rischi legati a eventuali fallimenti o truffe.

Ad esempio, se vuoi aprire un conto deposito potresti scegliere tra due o più banche diverse, anche a seconda delle remunerazioni del momento (tieni sempre presente la scadenza temporale dell’investimento e i tuoi obiettivi di breve, medio e lungo periodo).

Se vuoi investire da casa con un broker, puoi aprire ad esempio un conto con eToro (clicca per il sito ufficiale) che ti permette di copiare i migliori investitori, e uno con ROInvesting (clicca per il sito ufficiale) che è un broker professionale e fidato.

In questo modo, puoi approfittare delle migliori opportunità di mercato e diversificare il tuo portafoglio non solo in prodotti e beni, ma anche in istituzioni.

Continuare a diversificare

Nella finanza personale, la disciplina e la dedizione è tutto.

Oltre a creare un portafoglio completo con i soldi che hai oggi, è essenziale che ti preoccupi del futuro e continui a investire (e diversificare) ogni mese.

Fai periodicamente un bilancio per controllare cosa sta dando i suoi frutti e cosa non sta andando così bene. Sposta il capitale secondo i nuovi obiettivi – facendo sempre molta attenzione alle date di scadenza – e continua con il processo di investire ogni mese per avere una vita finanziaria piena e soddisfacente.