Psicologia Forex

In questo articolo di psicologia trading e forex voglio raccontarti la mia esperienza personale su come questo aspetto ha influito molto nel mio trading online.

La prima cosa importante da sapere è che, come si legge praticamente ovunque in internet, la psicologia nel trading è fondamentale.

Non c’è altra cosa che tenga.

Sembra facile aprire una posizione, aspettare che vada in guadagno e poi chiuderla.

Ma ti posso assicurare che non è così.

Psicologia trading, la MIA STORIA VERA

Sappiamo che le emozioni sono la principale sfida di un trader. E le 4 emozioni a cui stare attenti sono:

  • paura 😱;
  • speranza 🤞;
  • avidità 🤑;
  • euforia 🎊

Come ho avuto modo di dire durante un talk al China Forex Expo, qualche tempo fa ho perso tutto il denaro che avevo investito per colpa della psicologia. 💸

La paura 😱 mi ha fermato dall’aprire le posizioni nel momento ideale del mercato.

Mi chiedevo “e se sbaglio e perdo tutto?”. Mi dicevo “magari aspetto un altro po’”, “magari gli indicatori si sbagliano”.

Praticamente, mettevo la paura di perdere soldi prima dei dati oggettivi degli indicatori forex.

Una volta aperta la posizione, l’ho fatto nella speranza 🤞 che potesse andar bene, che il prezzo andasse nella direzione giusta.

Dico “speranza” perché non avevo considerato bene i segnali degli indicatori, e dunque sono entrato nel mercato un po’ “a caso”.

Quando ho visto che la mia posizione stava guadagnando denaro ben oltre le mie aspettative, sono stato preso dall’avidità 🤑 e non sono uscito quando avrei dovuto.

Oltre a questo, l’euforia 🎊 dei guadagni mi aveva preso e contribuiva a non farmi ragionare bene (errore psicologico).

Tutto questo fino a quando la mia posizione ha iniziato ad andare contro di me (ma ero ancora in guadagno).

Anche allora, non ho chiuso la posizione perché avevo visto un guadagno più alto, perché accontentarmi di meno soldi di quelli che avevo visto nel mio conto e che avrei potuto guadagnare?

Perché accontentarmi di meno soldi di quelli che avrei potuto guadagnare?

Quello che non ho considerato è che il mercato si era oramai invertito, e che sarebbe stato meglio guadagnare 10 (benché avessi visto 15), invece che rischiare di perdere 20.

Invece, quello che ho fatto è stato aprire nuove posizioni su nuove posizioni, sempre nella stessa direzione.

E, ovviamente, il mercato ha continuato ad andare contro le mie posizioni, moltiplicando le mie perdite.

Tutto questo, fino a quando preso dalla paura 😱 ho deciso di chiuderle tutte e incassare una perdita che era praticamente il 90% del mio conto.

Anche qui, ho chiuso la posizione senza studiare l’analisi tecnica e gli indicatori, praticamente senza delle strategie forex concrete.

Salvo poi vedere il mercato risalire dopo poco tempo che avevo già chiuso.

Per la cronaca, il movimento mi avrebbe fatto guadagnare con tutte le posizioni che avevo.

Devo dire che è stata una brutta avventura, che però mi ha insegnato tanto sulla psicologia di trading forex, su come bisogna guardare i grafici, i numeri, le analisi, e non rincorrere le sensazioni.

3 Consigli per migliorare l’approccio psicologico al forex trading

Cambiare il colore delle candele

La maggior parte dei commercianti utilizzano delle candele forex rosse e verdi, rendendo il grafico dei prezzi abbastanza facile da guardare, ma non può essere sempre l’opzione migliore per la negoziazione.

Se si vende dopo un rally dei prezzi e su un livello oggettivo di resistenza, allora probabilmente siamo pronti a vendere subito dopo una grande candela verde. Tuttavia, vendere dopo una serie di candele verdi potrebbe non essere confortevole perché si crea una forte illusione che il prezzo è destinato a continuare a muoversi al rialzo.

Se il colore delle candele viene cambiato in nero e bianco (lo permettono praticamente tutte le piattaforme di trading, inclusa la Metatrader) si può essere in grado di abbassare l’influenza emotiva durante le operazioni.

Cambiare il colore delle candele non è un’idea così assurda, soprattutto se ci si trova alle prime esperienze e magari ci si fa ingannare da tale colore.

Impostare un ordine e dimenticarlo

Il semplice compito di cliccare “buy” o “sell” su una piattaforma può essere di per sé un problema emotivo perché molti commercianti non sono semplicemente in grado di superare la paura di sbagliare. Fortunatamente, con lo sviluppo moderno della tecnologia di trading non è necessario premere il pulsante nel momento esatto in cui si vuole fare trading, ma dare ordine alla piattaforma di aprire una posizione nel momento stesso in cui il prezzo tocca un determinato valore.

Ad esempio, l’ordine di apertura di un investimento può essere impostato per una posizione long o short (leggi la differenza tra posizioni long e short) creando un ordine di acquistare al raggiungimento di un certo valore con tanto di stop loss protettivo per gestire il rischio e di un take profit per incassare i profitti.

Allontanarsi dal computer dopo aver impostato tali operazioni è l’unico modo, a questo punto, per ridurre la sfida emotiva del trading e avere più tempo libero da poter dedicare ad altro. Questo consiglio è ottimo anche per coloro che vogliono investire nel forex solo part time (ovvero avendo un altro lavoro).

Concentrarsi e gestire il rischio

Due fatti incidentali e legati alla negoziazione causano disagio per la maggior parte delle persone.

In primo luogo, non vi è alcuna certezza sui risultati futuri, in secondo luogo si corre sempre il rischio di avere delle perdite. È necessario comprendere che i migliori commercianti, ovvero quelli che sanno come gestire una perdita correttamente, riescono anche a mantenerla entro una dimensione accettabile. Tutti perdono nel mercato delle valute prima o poi e nessuno sa a quanto potrebbe ammontare il guadagno che si potrà avere.

Stop loss e take profit sono, lo ripetiamo, il massimo per proteggersi da qualunque imprevisto. A patto di impostare tutto per bene e contro l’emotività consigliamo uno stop loss del 2% al massimo.

Psicologia di trading forex: il giusto approccio (secondo la mia esperienza)

Studiare la teoria 📚

Studiare la teoria del forex è importante per conoscere meglio come funziona.

Il nostro corso forex gratis, ad esempio, è costantemente aggiornato con le migliori indicazioni derivanti dall’esperienza diretta su come fare trading e come fare forex al meglio.

Oltre a questo, ci sono anche tanti libri di trading online che si possono acquistare per avere una formazione.

Non bisogna essere avidi 🤑

Il modo migliore per evitare di tenere le posizioni in guadagno troppo tempo è quello di impostare un obiettivo quotidiano. Una volta che tale obiettivo è stato raggiunto, bisogna fermarsi.

Non bisogna avere troppa paura 😱

Avere paura nel trading online è normale, ma non bisogna averne troppa.

Ad esempio, ci sono investitori che si fermano troppo prima, impostando il loro punto di uscita appena sopra il punto di pareggio. Questo tipo di investitori tenderanno a mantenere le perdite per troppo tempo, con la speranza che esse possano invertirsi e farli guadagnare.

Per loro una perdita non è mai tale fino a che non vendono con i propri occhi di essere andati troppo sotto e che c’è il rischio di crollare ulteriormente.

Questa mentalità di limitare i profitti e di tenere le perdite è l’esatto opposto di una mentalità di successo. Idealmente, un investitore deve saper utilizzare sempre lo stop-loss per limitare la perdita ma lasciare che il profitto cresca.

E’ importante usare gli stop loss

Parlando di stop-loss, alcune persone non li usano semplicemente perché comportano una perdita di soldi. Pertanto è comune vedere gli investitori aprire una posizione contro la loro prima posizione per neutralizzare la perdita.

Questo può funzionare, ma solo quando le cose stanno andando alla grande. L’idea di aprire una posizione contro il primo trade per compensare l’effetto negativo può essere una cosa più complicata del previsto, soprattutto se il mercato va ancora una volta contro di voi.

Quando si aprono delle posizioni solo per cancellare il primo errore, lo si sta facendo non per un’analisi, ma per cercare di recuperare delle perdite che potevano essere facilmente evitate con gli stop-loss.

A questo punto potrebbe essere meglio usare un trailing stop loss, ovvero uno stop loss che si aggiorna in maniera automatica a seconda dell’andamento della posizione.

Il conto demo e la psicologia forex

Sappiamo che i conti demo forex, o in prova, sono quelli che vengono impiegati per fare trading con denaro finto, senza rischi, ma su condizioni di mercato reali.

Accade spesso che un trader riesce ad avere successo in un conto di prova e poi fallisce in un conto reale. Questo è dovuto proprio ad un diverso approccio psicologico ai due investimenti: nel primo si aprono operazioni in maniera spesso leggera perché non si rischiano soldi, nel secondo, invece, si sta troppo accorti perché si ha paura di perdere.

Psicologia Forex: le conclusioni

Ultima cosa dal punto di vista dell’approccio psicologico al mercato forex è che ci saranno sempre dei trader che abusano del loro margine. Dal momento in cui con 100 dollari sul conto possono controllare fino a 10.000 dollari, grazie alla leva di 30 : 1, alcuni trader operano senza fermarsi a considerare le conseguenze. Se non avete una buona strategia e non avete pratica con gli stop-loss, è meglio non rischiare mai oltre il 10% del margine.

Gli errori sono una cosa che fa parte del Forex, così come la perdita di denaro. Alcuni dicono che con un errato approccio psicologico al forex, l’investimento è una battaglia persa ancor prima di cominciare. Se questo è vero, allora bisogna curare molto l’aspetto psicologico del forex per tentare di vincere.