Le Materie Prime del Futuro

Quali saranno le materie prime del futuro, quelle più richieste nei prossimi 20 anni e quali fattori guideranno questo cambiamento?

Per chi cerca delle indicazioni su come investire in materie prime in futuro e vuole capire quali saranno le commodities che sono destinate a registrare una forte crescita in futuro, a supporto di un mondo in rapida evoluzione, questo è il contenuto giusto.

Quali sono le materie prime del futuro?

Le materie prime destinate a diventare protagoniste nei prossimi vent’anni sono quelle necessarie per sostenere tre aree chiave del cambiamento globale:

🍃 passaggio alla sostenibilità
💻 crescente digitalizzazione
🏃 consumatore più sano e attento

 

Tra le commodity minerarie e metalliche destinate al boom troviamo:

  • rame;
  • nichel;
  • alluminio;
  • litio;
  • cobalto;
  • stagno;
  • rottami metallici;
  • acciaio verde.

I prodotti in crescita nel settore agricolo includono invece pollame, latticini, pesce e crostacei, soia, mais, cacao, frutta e verdura e narcotici non sintetici.

Nel settore dell’energia, l’idrogeno a basse emissioni di carbonio è destinato a diventare il prodotto più richiesto.

Dal punto di vista dell’investimento, sono tutte materie prime che puoi trovare su piattaforme sicure come eToro (link per sito ufficiale), dove puoi anche cominciare già oggi a copiare le strategie dei migliori investitori per cercare di guadagnare denaro.

Vediamo anche i principali cambiamenti che determineranno la domanda delle materie prime in futuro.

Una transizione verde

Gli obiettivi globali di riduzione delle emissioni di anidride carbonica hanno portato a uno spostamento verso le materie prime che supportano la produzione di energia rinnovabile.

Ad esempio, il nichel, il litio e il cobalto sono necessari per costruire e far funzionare le batterie, il rame è utilizzato per generare energia solare, idroelettrica, termica ed eolica e l’alluminio è ampiamente utilizzato nei campi solari.

L’idrogeno a basse emissioni di carbonio (blu e verde) si affermerà sempre più nei mercati delle materie prime energetiche, mentre il mondo si allontana dall’idrogeno basato sui combustibili fossili (grigio, nero e marrone).

Investire in energie rinnovabili diventerà un trend sempre più interessante nel prossimo futuro.

Si prevede che la produzione di idrogeno verde passerà da meno dell’1% dell’attuale offerta del mercato globale al 10% entro il 2030.

Aumento della digitalizzazione

Un futuro digitale richiederà un particolare insieme di materie prime per supportarlo.

Uno smartphone standard contiene più di 35 minerali e metalli, tra cui rame e litio.

Anche lo stagno è un metallo chiave utilizzato nei prodotti digitali e quindi la sua domanda aumenterà notevolmente nei prossimi due decenni.

Il ritmo della transizione digitale avrà un impatto sulla quantità di produzione di energia necessaria al mondo, poiché la produttività aumenta e il mondo rimane “acceso” più a lungo.

Questo fa sì che tutte le materie prime utilizzate per supportare i prodotti digitali abbiano un futuro davvero roseo.

Il ritmo della digitalizzazione nel mondo dell’agricoltura vedrà anche un aumento della produttività e della produzione, che a sua volta spingerà la domanda di fertilizzanti e altri input.

Consumatori sani, consapevoli e benestanti

Come tendenza generale, i consumatori di tutto il mondo stanno diventando più sani, più ricchi e più attenti all’ambiente, il che avrà un impatto sui prodotti di base che sceglieranno di consumare.

Nel settore agricolo, nei prossimi 20 anni si assisterà a una diminuzione delle carni rosse come il manzo e a un aumento delle carni avicole, del pesce e dei frutti di mare (in particolare dell’acquacoltura).

Le proteine alternative godranno di una spinta, in quanto l’industria alimentare innova rapidamente nel settore degli alimenti a basso contenuto di carbonio.

I prodotti agricoli industriali, come il mais e la soia, vedranno aumentare la domanda a causa dell’espansione e della modernizzazione della produzione zootecnica, che richiederà più mangimi “commerciali”.

Frutta e verdura saranno molto richieste in quanto i consumatori si orienteranno verso alimenti più sani e con una minore impronta ambientale.

Le materie del futuro, le conclusioni

Anche se non è mai facile prevedere il futuro, le tendenze dell’industria e dei consumatori indicano i prodotti di base sopra menzionati come quelli da tenere d’occhio anche da un punto di vista degli investimenti.

Le migliori piattaforme di trading online ed investimento, come eToro (link per sito ufficiale), sono una delle scelte più apprezzate dagli investitori di oggi per fare tutto in autonomia.

Se invece cerchi un consulente serio ed affidabile per investire, allora dovresti scegliere la consulenza di ditte come Moneyfarm (sito ufficiale) che ti seguiranno nella creazione di un portafoglio di investimento “green”.