Forex Trading Italia

Investire nel cotone, focus sul 2017

Investire nel cotone può essere un interessante modo per guadagnare denaro e diversificare gli investimenti. Scopriamo tutto quello che c'è da sapere sugli investimenti in cotone, focus 2017.

Tra le materie prime di cui si può valutare un investimento per diversificare il proprio portafoglio, il cotone è una delle opportunità più interessanti. Ad oggi, infatti, questo materiale rappresenta ben il 40% delle fibre usate, in tutto il mondo, nell'industria tessile. Ne consegue che si tratta della materia prima più usata al mondo e, per questo motivo, è un interessante investimento.

La classifica dei paesi importatori di cotone è la seguente:

  • Cina: US$10.3 miliardi (20.2% delle importazioni totali di cotone)
  • Bangladesh: $4.5 miliardi (8.8%)
  • Vietnam: $3.8 miliardi (7.4%)
  • Turchia: $2.3 miliardi (4.5%)
  • Hong Kong: $2.1 miliardi (4.2%)
  • Indonesia: $1.6 miliardi (3.1%)
  • Corea del Sud: $1.3 miliardi (2.6%)
  • Italia: $1.3 miliardi (2.5%)
  • Pakistan: $1.3 miliardi (2.5%)
  • Stati Uniti: $1.1 miliardi (2.2%)
  • Messico: $1 miliardi (2.1%)
  • Germania: $1 miliardi (2%)
  • Thailandia: $804.9 miliardi (1.6%)
  • Honduras: $747.1 miliardi (1.5%)
  • Nigeria: $665.8 miliardi (1.3%)
  • L'aggiornamento è al 2017.

    Guardando ai dati, troviamo che la Cina la fa da padrone, importando da sola ben il 20% della materia prima, a seguire Bangladesh e Vietnam. La prima tra le economie sviluppate ad importare cotone è la Corea del Sud, seguita dall'Italia. Troviamo, più sotto, anche gli Stati Uniti e la Germania (unico altro paese europeo nella classifica top 15).

    Prezzi del cotone

    I prezzi del cotone variano in maniera notevole a seconda della varietà di cotone che si considera e dal tipo di fibre che sono usate nella produzione.

    Ad esempio, tra le varie possiamo trovare il Batik, il Bird's Eye, il cotone Denim (quello usato per fare i jeans), la flanella, il madras e il cotone egiziano, uno dei più rinomati e costosi.

    E' per questo motivo che non esiste un riferimento internazionale unico per il cotone e che i prezzi di riferimento sono spesso calcolati un po' di tempo dopo la consegna degli stock.

    Se guardiamo, invece, ai prezzi storici del cotone, vediamo che c'è stato un picco storico a marzo 2011, che ha portato il prezzo ad oltre i 200 centesimi di dollaro per libbra (2 dollari per libbra). Da lì in poi c'è stato un calo e troviamo, oggi, il prezzo della materia prima attorno a 70 centesimi di dollaro alla libbra, in leggera salita rispetto a qualche mese fa, quando era a 62 centesimi di dollaro per 1 libbra.

    Per poter prevedere i prezzi del cotone, bisogna capire da che cosa è influenzata questa materia prima. In maniera particolare, esiste una correlazione diretta tra prezzo del petrolio e del cotone: il greggio viene usato nella fase di fabbricazione delle fibre sintetiche, pertanto più il prezzo dell'oro nero sarà alto e maggiore sarà la richiesta di cotone (dato che le fibre sintetiche costeranno di più), di conseguenza anche i prezzi del cotone aumenteranno.

    Investire in cotone, focus sul 2017

    Considerando la situazione attuale dei prezzi del petrolio, che come possiamo vedere dal grafico sono ancora bassi, anche se in ripresa, l'inizio del 2017 potrebbe essere un buon momento per comprare cotone.

    Il modo migliore e più sicuro di farlo è aprire un conto con un broker forex (noi ti consigliamo Plus500, che è un broker autorizzato ad operare in Italia).

    Autore: Gino Topini

    Lascia il tuo commento su "Investire nel cotone, focus sul 2017"

    Lasciando un commento, accetti le condizioni di privacy e di ricevere newsletter (no Spam!) con Offerte e Informazioni su prestiti e finanziamenti.

    Per approfondire: