Edizione del 10 December 2018 - Home - Redazione - Note Legali - Disclaimer - Cookie Policy e Privacy Policy - Contatti - Pubblicità
Forex Trading Italia
|

Azioni Petrolio 2018: le Migliori da Comprare per fare Trading

Il mercato del petrolio è sempre interessante da un punto di vista dell'investimento e anche per il 2018 potrebbe essere così. Vediamo in questo articolo le migliori azioni da comprare delle aziende del settore petrolifero.

Azioni Petrolio 2018: le Migliori da Comprare per fare Trading

Il greggio è uno degli elementi fondamentali del nostro mercato, un investimento importante per tutti coloro che sono alla ricerca di interessanti opportunità dal mercato. Per investire nel petrolio, tuttavia, non è solo possibile aprire posizioni tramite broker autorizzati come Plus500, ma si può scegliere anche di giocarsela sulle azioni delle aziende petrolifere, le quali sono ovviamente strettamente legate all’andamento del prezzo del petrolio.

Azioni Petrolio: le migliori 2018 da Comprare

Chevron (CVX): si tratta di una scelta sicura, una delle azioni preferite tra le Big Oil.

Apache (APA): l’azienda ha appena fatto una grande scoperta nell’area di Alpine High, in Texas, e gli analisti ritengono che questo le darà grande potenziale nei prossimi anni.

EOG Resources (EOG) si tratta di un’azienda che opera in maniera molto diversificata, per cui un investimenti azionario ragionevolmente sicuro. Ha più di 14.000 sedi di perforazione in numerose aree.

Pioneer Natural Resources (PXD), ha uno dei migliori bilanci tra le aziende del settore, per cui è molto solida.

Eni (ENI), una delle migliori aziende italiane per quello che riguarda le azioni petrolio.

Tra le aziende di piccole e medie dimensioni, si può dare un'occhiata a Whiting Petroleum (WLL). Un’alternativa può essere anche quella di investire in alcune tra le grandi società di servizi: ora che diversi impianti di perforazione saranno riattivati, i primi appaltatori che saranno chiamati in causa sono aziende come Schlumberger (SLB) e Halliburton (HAL).

Meglio evitare di entrare nelle nicchie delle società che offrono altri servizi petroliferi, come quelli legati al trasporto del personale agli impianti di perforazione o che forniscono attrezzature di sicurezza. Il settore, anche se in crescita, non è ancora a pieno regime e potrebbero esserci delle migliori opportunità se si aspetta fino a fine 2017.

Considerazioni da fare per investire in azioni di aziende petrolifere

Abbiamo già detto che è fondamentale, per investire in azioni del petrolio, valutare l’andamento del prezzo del greggio. Oggi il prezzo del petrolio è sotto i 50 dollari al barile e le previsioni sono complesse, sia per la vittoria di Donald Trump sui mercati (cosa che ha portato ad un po’ di caos), sia per le possibili decisioni sui tagli alla produzione da parte dell’OPEC.


Qualche mese fa, molti pensavano che entro l’inizio del 2018, il prezzo dell’oro nero sarebbe arrivato a 70 / 80 dollari al barile, e praticamente ci siamo a quei livelli.

Il taglio dei costi da parte delle aziende è quasi completo, il che significa un minor numero di licenziamenti. La situazione dei prestiti negli USA è migliorata e rende più facile per le imprese del settore energetico rinegoziare i finanziamenti con le rispettive banche.

Tutto questo, dove ci porta? Il WTI è salito e potrebbero esserci delle opportunità di acquisto in questa zona, in particolare per gli investitori a lungo termine. Nel breve termine, ci si aspetta che il prezzo delle azioni legate al petrolio siano volatili.

Scritto da Davide Domenico. Mi specializzo nel mercato delle commodities (o materie prime): quotidianamente studio il settore e rimango aggiornato per cercare di prevedere gli andamenti dei prezzi.

Per approfondire: