Indicatori Forex

Gli indicatori forex sono considerati essenziali quando si fa trading nel mercato delle valute.  Ci sono tantissimi indicatori tra cui poter scegliere, ma solo una decina sono considerati i migliori indicatori per fare trading forex.

Molti trader li usano quotidianamente dato che essi possono aiutare a capire quando è meglio comprare o vendere. Questi indicatori sono conosciuti come una parte importante dell’analisi tecnica, e ogni investitore dovrebbe esserne consapevole.

Parliamo degli indicatori anche nel corso Forex di Forex Trading Italia.

Gli 11 migliori indicatori forex

Supporti e Resistenze

Possiamo far rientrare i supporti e le resistenze del trading online all’interno degli indicatori perché ci troveremo costantemente di fronte ad un prezzo di supporto o ad uno di resistenza, pertanto capire come integrarli all’interno di una strategia di trading è fondamentale per avere dei risultati i più validi possibile.

Diciamo che:

  • il supporto è un livello di prezzo minimo al di sotto del quale la quotazione in tempo reale non riesce a scendere;
  • la resistenza è un livello di prezzo massimo al di sopra del quale la quotazione in tempo reale non riesce a salire;

La rottura di uno di questi due livelli potrebbe far presagire una continuazione del trend.

Media mobile (MA)

La media mobile (MA) è un indicatore cruciale che indica il valore medio del prezzo in un particolare periodo.

  • se il prezzo si trova sopra la media mobile, significa che i compratori stanno controllando il mercato;
  • se il prezzo è sotto la media mobile, significa che i venditori sono in controllo

Da un punto di vista operativo, le indicazioni sono generalmente:

  • acquistare una coppia di valute o un asset se i prezzi sono sopra la media mobile;
  • vendere una coppia di valute o un asset se i prezzi sono sotto la media mobile.

La media mobile è spesso la base per diversi indicatori, come l’indicatore Alligator, che si basa addirittura su 3 medie mobili differenti.

Bande di Bollinger

Quando si tratta di misurare la volatilità del prezzo di un particolare asset, le bande di Bollinger sono utilizzate per determinare i punti di entrata e di uscita dal mercato.

Si dividono in 3 parti:

  • parte superiore;
  • parte mediana;
  • parte inferiore

Le bande sono usate per determinare le condizioni di ipercomprato e ipervenduto:

  • se il prezzo è sotto la parte inferiore, siamo in ipervenduto e la quotazione potrebbe risalire;
  • se il prezzo è sopra la parte superiore, siamo in ipercomprato e la quotazione potrebbe scendere.

Average True Range (ATR)

L’indicatore Average True Range è usato per misurare la volatilità del mercato. L’elemento chiave di questo indicatore è il range, che può essere applicato a qualsiasi periodo di trading.

Questo indicatore applica il cosiddetto “true range”, ovvero il più grande tra:

  • prezzo massimo attuale meno prezzo minimo attuale;
  • valore assoluto del massimo attuale meno la chiusura precedente; 
  • valore assoluto del minimo attuale meno la chiusura precedente;

Il valore assoluto del più grande dei tre intervalli è chiamato true range. Tuttavia, l’Average True Range (ATR) è la media mobile di specifici valori di true range.

MACD

Questo è uno di quegli indicatori che mettono in evidenza la forza che sta guidando il mercato delle valute. Inoltre, aiuta ad identificare quando il mercato si fermerà di muoversi verso una particolare direzione ed inizierà ad andare in correzione.

Il MACD si ottiene sottraendo la media mobile esponenziale a lungo termine dall’EMA a breve termine.

L’EMA è un tipo di media mobile in cui i dati attuali acquistano maggiore importanza rispetto a quelli passati.

Fibonacci

Fibonacci è un altro eccellente indicatore forex che indica l’esatta direzione del mercato, ed è il rapporto aureo dal valore 1,618.

Diversi trader usano questo strumento per identificare aree di trend ed inversioni. I livelli di Fibonacci si calcolano dopo che il mercato ha fatto un grande movimento verso l’alto o verso il basso e sembra che si sia appiattito su un livello di prezzo specifico.

I livelli di ritracciamento di Fibonacci si usano per trovare aree in cui i mercati possono ritracciare prima di tornare al trend.

Indice di forza relativa (RSI)

L’RSI è un altro indicatore forex che appartiene alla categoria degli oscillatori.

È noto per essere l’indicatore forex più comunemente usato e mostra una temporanea condizione di ipervenduto o ipercomprato nel mercato.

Un valore di RSI superiore a 70, mostra un mercato in ipercomprato, mentre un valore inferiore a 30 mostra un mercato in ipervenduto. Molti trader usano un valore RSI di 80 come lettura per le condizioni di ipercomprato, ad un valore RSI di 20 per una condizione di ipervenduto.

Pivot Points

L’indicatore dei pivot points mostra i livelli di equilibrio tra domanda e offerta di una coppia di valute.

Se il prezzo raggiunge il livello del pivot, la domanda e l’offerta di quel particolare asset sono allo stesso livello.

Se il prezzo attraversa il livello del pivot, si mette in evidenza una maggiore domanda per una coppia di valute, mentre se il prezzo scende al di sotto del livello del pivot point, si evidenzia una maggiore offerta per quella data coppia di valute.

Stocastico

Lo stocastico è considerato uno dei migliori indicatori forex che permettono ai trader di identificare il momentum e le zone di ipercomprato/ipervenduto.

Nel trading, l’oscillatore stocastico aiuta a riconoscere qualsiasi tendenza che potrebbe essere un’inversione.

Un indicatore stocastico può misurare il momentum confrontando il prezzo di chiusura e il range di trading in un certo periodo.

Canali di Donchian

Questo indicatore aiuta i trader a capire la volatilità del mercato determinando i valori di price action più alti e più bassi.

I canali di Donchian sono di solito composti da tre linee diverse che si formano usando le medie mobili.

Ci sono delle bande superiori e delle bande inferiori intorno a quella mediana. L’area che si trova tra la banda superiore e quella inferiore è il canale di Donchian.

SAR parabolico

Il “parabolic stop and reverse” (PSAR) è un indicatore forex che permette di capire la direzione di una tendenza e di valutare i punti di inversione a breve termine di un prezzo.

Questo indicatore è utilizzato principalmente per trovare punti di entrata ed uscita dal mercato.

Se il punto è sotto il prezzo, indica che esso si sta muovendo verso l’alto, mentre se il punto è sopra il prezzo, indica che esso si sta muovendo verso il basso.

Come si usano i migliori indicatori Forex?

Dalla piattaforma Metatrader 4 si possono applicare questi 4 indicatori al grafico forex che abbiamo di fronte e attendere che tutti e tre ci dicano la stessa cosa.

Se, ad esempio, le bande ci fanno vedere i prezzi “sforare” al di sotto, il MACD e l’RSI si trovano in ipervenduto, allora possiamo avere una ottima probabilità che il prezzo risalirà.

Se, al contrario, le bande ci fanno vedere i prezzi “sforare” al di sopra, mentre il MACD e l’RSI si trovano in ipercomprato, allora possiamo avere una ottima probabilità che il prezzo scenderà.

Qualora, infine, gli indicatori dovessero dare delle indicazioni discordanti tra di loro, probabilmente è meglio attendere dei tempi migliori.

Un concetto fondamentale da tenere sempre a mente per non perdere denaro nel Forex, infatti, è quello che non è detto che bisogna sempre essere attivi e presenti sul mercato, poiché a volte la miglior strategia è aspettare.